Stupro a Viterbo, la vittima: “Rapporto consenziente? E’ uno schifo. Ho paura di loro”

Stupro a Viterbo, la vittima: “Rapporto consenziente? E’ uno schifo. Ho paura di loro”

Ho paura, ho ancora paura di loro e spero che restino in carcere“. E’ sotto choc la donna di 36 anni, picchiata e stuprata lo scorso 12 aprile da due militanti di CasaPound Francesco Chiricozzi e Riccardo Licci in un circolo privato del movimento di estrema destra.

“È uno schifo”, ha detto ancora la donna dopo aver appreso che i due arrestati hanno respinto le accuse e parlato di un “rapporto consenziente”. “Vorrei tanto non se ne parlasse più”, ha aggiunto, secondo le parole riportate dal suo legale, l’avvocato Franco Taurchini.

Siamo pronti ad affrontare un incidente probatorio per cristallizzare la denuncia – fa sapere il legale – siamo tranquilli perché siamo nel giusto. La mia assistita teme di essere minacciata per rimangiarsi quanto raccontato. E’ ancora molto scossa psicologicamente, è una situazione difficile da affrontare”.

Anche per questo il legale ritiene probabile che alla fine sarà svolto un incidente probatorio, iter previsto in casi simili, quando la vittima è particolarmente vulnerabile onde evitare che la donna possa essere oggetto di minacce e pressioni per ritrattare la sua denuncia e in considerazione della paura manifestata dalla stessa vittima. Per tali ragioni, la Procura di Viterbo sarebbe orientata ad ascoltare la donna in quella sede. Gli inquirenti stanno quindi attendendo che la giovane si riprenda per procedere, eventualmente, con la richiesta al giudice per le indagini preliminari.

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.