Mugnano, una tombolata per la piccola Aurora

Mugnano, una tombolata per la piccola Aurora

Mugnano. Con il quarto appuntamento dell’Associazione Augurabile “Insieme si può”, anche Mugnano si mobilita per Aurora, la bimba di Giugliano di otto anni e mezzo, che necessita di cure per curarsi dal tumore presso l’Md Anderson Cancer Center di Houston. Appuntamento previsto per mercoledì 18, a partire dalle 20.30, quando alla Parrocchia del Beato Nunzio Sulprizio, in via Crispi, l’associazione Augurabile, in collaborazione con la Terra dei Cuori, sodalizio che si occupa della raccolta fondi che permetteranno, non appena sarà raggiunta la cifra, di curare la piccola Aurora, ha organizzato la “tombolata scostumatissima di Concettina”, che, vista la sede, sarà un po’ meno scostumata del solito.

 

Tanti gli ospiti che hanno voluto aderire alla iniziativa, tra questi Loredana Daniele, con la sua chitarra al seguito. Oltre la cantautrice di “Cantamme p’ammore”, prenderanno parte alla iniziativa Giosiano Felago, della Compagnia Stabile del Teatro Sannazaro; Veronica Tammaro, Campionessa Italiana di Danza Last Ballet.

 

Presenta Francesco Merlino della Compagnia Teatrale Tappeto Volante. Ci sarà inoltre anche la scuola di ballo Fuego Latino e l’animazione a cura di Umpa Lumpa. Tra i protagonisti dell’evento i ragazzi dell’associazione Augurabile, che eseguiranno una coreografia. Una serata divertente con un significato di grande impegno civile. Molti i commercianti che hanno voluto essere presenti, mettendo a disposizione un premio che sarà dato ai partecipanti.

 

Sono tredici le associazioni che sul territorio stanno raccogliendo fondi per la causa di Aurora Ibris Associazione Culturale, Accademia Kronos Campania, Il teatro di Dioniso, Noi ci siamo, LIbereVociFestival, CulturArt, AR Project, Associazione Teatrale, The Jack, AliPro, SoulPalco, Giugliano Bene Comune, Associazione AugurAbile. Aurora, come ha più volte detto lei stessa, non è l’unica bambina ad essere vittima della Terra dei Fuochi. Fa parte di un esercito di piccoli ammalati, che sono il prodotto della Terra dei Fuochi. Un piccolo gesto di solidarietà, la volontà di essere cittadini non passivi davanti alle esigenze del territorio, può aiutare a risolvere un problema grave, in questo caso. L’impegno di tutti può aiutare a rendere il mondo migliore di quanto non sia adesso.