É stata presentata ieri la nuova giunta voluta dal sindaco di Casoria Raffaele Bene. Per il momento, 3 le donne e 3 gli uomini nominati: Paola Ambrosio confermata come vicesindaco con delega alle politiche ambientali; Marianna Riccardi assessora alle politiche sociali; Sonia Tabacco all’istruzione e alla cultura; Francesco Girardi alle finanze e al patrimonio, Enzo Amato ai lavori pubblici e infine Enzo D’Anna alla polizia municipale e alla protezione civile.

Due le novità rispetto all’esecutivo annunciato solo qualche giorno fa. Francesco Russo,  consigliere dimissionario che aveva ricevuto la delega ai lavori pubblici, ha infatti rinunciato all’incarico. Mentre al posto diTommasina D’Onofrio, cui la Lega non avrebbe dato il consenso di entrare in giunta con il ruolo di assessora alle politiche sociali, è stata scelta la Riccardi di Italia Viva.

Nomina che ha scatenato non poche polemiche in quanto quest’ultima era già della squadra dell’ex sindaco Pasquale Fuccio, sfiduciato da alcuni dei consiglieri che ora risiedono nella maggioranza dell’amministrazione Bene. Maggioranza che, però, è quanto mai critica. Ben 5 i consiglieri che hanno parlato di un vero e proprio “attentato alla democrazia”.

Cassettino, Grazioso, Marra, ramaglia e rullo hanno chiesto un incontro con la stampa prima della presentazione ufficiale della giunta. La maggioranza ha poi espresso il suo disappunto anche in aula consiliare. Incalzando a fine conferenza il sindaco Bene che però ha abbandonato l’aula ritenendo non fossero quelli la sede e il momento per discutere.

continua a leggere su Teleclubitalia.it