Non è neanche iniziato il primo giorno di scuola in Campania che a Comiziano, in provincia di Napoli, è stata disposta la chiusura di un plesso scolastico per tre giorni. Il motivo? La scuola era infestata da migliaia di api.

Migliaia di api infestano scuola nel Napoletano: disposta la chiusura

La decisione del primo cittadino di rimandare l’apertura della sede distaccata dell’istituto scolastico “Fratelli Mercogliano Guadagni” è arrivata oggi. Attraverso un’ordinanza, il sindaco Saverio Nappi ha ordinato la chiusura per tre giorni, da oggi fino al 17 settembre, dopo aver ricevuto una comunicazione dal dirigente scolastico.

La nota avvisava che “il plesso era infestato da migliaia di api, potenzialmente pericolose per la salute pubblica”. Da qui la decisione della non apertura per consentire l’intervento dei vigili del fuoco.

La polemica

Non sono però mancate le polemiche. Il gruppo consiliare di opposizione “Noi Comiziano” ha attaccato  duramente il primo cittadino sui social. “Pronti, partenza e flop -si legge nella nota – dopo oltre un anno e mezzo di pandemia, in cui i ragazzi sono andati a scuola a singhiozzo, e nonostante i tre mesi di pausa estiva, l’amministrazione Nappi è riuscita a realizzare l’ennesimo primato negativo della loro gestione, ovvero chiudere la scuola elementare di Comiziano nel giorno dell’avvio ufficiale del nuovo anno scolastico”-

“La causa della chiusura – proseguono – è stata la presenza di uno sciame di api che infestavano l’edificio, di cui l’amministrazione era già a conoscenza da qualche giorno. Poco o nulla è stato fatto per risolvere il problema per cui stamattina gli operatori scolastici hanno trovato la scuola piena di insetti”.

“Nel frattempo non è stato dato alcun preavviso ai genitori, che accompagnando gli alunni a scuola, si sono accalcati ai cancelli chiusi, con disagio per la mobilità e in barba ad ogni norma sul distanziamento: il sindaco assente ingiustificato. Un vero e proprio capolavoro di menefreghismo e approssimazione, simbolo della disattenzione totale di questa amministrazione verso la scuola e chi la frequenta”, conclude il gruppo consiliare Noi Comiziano.

continua a leggere su Teleclubitalia.it