Sarà un Natale freddo, all’insegna della pioggia e della neve. E’ quanto prevedono gli esperti valutando l’evoluzione del quadro cimatico da qui alle prossime 48 ore. Venti gelidi di Bora e Grecale soffieranno sulla Penisola, colpendo prima il Nordest e poi scendendo, a macchia di leopardo, verso il sud e la Campania.

Campania, Natale freddo e piovoso

Nei prossimi giorni si assisterà a un calo brusco delle temperature. La neve scenderà anche a bassa quota e sopra i 400 metri in molte regioni d’Italia. Il giorno della Vigilia il tempo sarà variabile, con coperture nuvolose su gran parte della regione e qualche piovasco sui rilievi montuosi. Il 25 invece il tempo sarà variabile con rovesci sparsi a carattere temporalesco anche a Napoli e in provincia.

La svolta si registrerà nella giornata di sabato, a Santo Stefano. Il 26 anche in Campania gli esperti prevedono piogge diffuse su tutto il territorio regionale e un forte calo delle temperature massime e minime. Nell’entroterra, si potranno sfiorare i zero gradi. Il clima più rigido favorirà fenomeni nevosi sui rilievi in Irpinia, nel Sannio e nell’alto casertano. Previsti cinque gradi di minima ad Avellino e Benevento.

Clima in miglioramento a partire da domenica 27 e lunedì 28, ma con la colonnina di mercurio che resterà bassa, oscillando tra i 3/4 di minima e i 12 di massima su gran parte della Campania. Precipitazioni intense invece continueranno a impeversare su Marche, Abruzzo e sulle regioni meridionali. Neve copiosa e sotto forma di bufere infurierà su tutti gli Appennini a quote collinari. Al Nord il tempo sarà invece già migliorato ma resterà il clima glaciale.

continua a leggere su Teleclubitalia.it