Finisce in manette Santo Russo, 48enne di Sant’Antimo. L’uomo, lasciato dalla fidanzata, ha prima minacciato di far saltare in aria il palazzo; poi, all’arrivo dei carabinieri, li ha aggrediti. Deve rispondere di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

Sant’Antimo, viene lasciato dalla compagna: minaccia di far saltare in aria il palazzo

Il 48enne aveva appena litigato con la compagna convivente il primo giorno di lockdown. A seguito del diverbio, la donna ha deciso di lasciarlo e di andare via di casa. L’uomo non ha accettato la decisione ed ha dato in escandescenze. Ha minacciato così di fare esplodere il palazzo dove abita con delle bombole di gas. Successivamente, – in evidente stato di alterazione per l’assunzione di alcol – all’arrivo dei carabinieri, li ha prima minacciati e poi li ha aggrediti.

In particolare ha spintonato i militari – specie uno facendolo cadere dalle scale – per poi scappare al quarto piano del palazzo, minacciando di lanciarsi nel vuoto. Dopo l’arrivo dei vigili del fuoco che hanno predisposto il telone para cadute, i carabinieri e i pompieri sono riusciti a convincere l’uomo a consegnarsi spontaneamente e lo hanno condotto in caserma. Arrestato, è ora in attesa di giudizio. I militari sono stati giudicati guaribili, rispettivamente, in 15 e 5 giorni per contusioni multiple.

continua a leggere su Teleclubitalia.it