regole nuovo dpcm

Obbligo di mascherina all’aperto se vicini a non conviventi. Stretta sui controlli. Multe da 400 a 1.000 euro per chi è senza protezione. Possibilità per le Regioni di stabilire deroghe alle disposizioni del governo solo se più restrittive.

La app Immuni operativa fino al 31 dicembre 2021. Sono alcune delle nuove disposizioni anti-Covid che potrebbero entrare in vigore con il nuovo Dpcm che prolungherà l’emergenza sanitaria per l’epidemia di Covid.  Il testo non è ancora definitivo e potrebbe subire modifiche.

Le nuove regole in tutta Italia

  • Arriva l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto su tutto il territorio nazionale. La norma era già prevista in alcune regioni
  • Il divieto di assembramento sarà ancora più stringente così da evitare affollamenti in particolare la sera e nel fine settimana, quindi durante la movida
  • Salta la chiusura anticipata di bar e ristoranti (alle 10 o 11 di sera) a livello nazionale. Ma in Campania nei giorni feriali si chiude alle 23 e nel fine settimana a mezzanotte
  • Non bisogna accalcarsi, così come non si potrà ancora ballare. Il limite per le feste dopo le cerimonie è di 200 persone che dovranno comunque osservare tutte le precauzioni

In Campania, invece, il presidente Vincenzo De Luca ha imposto a bar e locali di abbassare le saracinesche alle 23 nei giorni feriali e a mezzanotte nei fine settimana.

Dopo la protesta dei commercianti, il governo ha deciso di non effettuare la stessa stretta sull’intero territorio nazionale mentre il bollettino della Protezione Civile ieri riportava 2257 nuovi casi con pochi tamponi e 16 morti.

E con la curva dei contagi sale anche la tensione tra governo e Regioni, che temono l’impatto del giro di vite sulle economie dei territori e non accettano che il governo lasci loro scarsa autonomia.

L’aumento di multe, sanzioni e controlli

sanzioni amministrative da 400 a 1.000 euro per chi non rispetterà l’obbligo di indossare le mascherine all’aperto.

Multe non solo per i cittadini, ma anche per i locali che non faranno rispettare l’obbligo. La multa a cui possono andare incontro è la stessa – da 400 a 1.000 euro – ma con in più la possibilità di una sanzione amministrativa accessoria con la chiusura dell’esercizio o dell’attività da 5 a 30 giorni.

Nei nuovi testi che il governo dovrebbe approvare rientrano anche le norme relative alle multe per chi non rispetta l’obbligo di quarantena: l’importo è sempre lo stesso, da 400 a 1.00o euro.

Ancora, chi ha il Covid e non rispetta le restrizioni va incontro al rischio di una sanzione penale e l’arresto da 3 a 18 mesi, oltre che un’ammenda da 500 a 5.000 euro. In questo caso, infatti, si rischia anche la denuncia per epidemia colposa.

 



continua a leggere su Teleclubitalia.it