Una decina di famiglie evacuate e un centro di accoglienza allestito in una scuola per poter far fronte all’emergenza dettata dal maltempo. A Monteforte Irpino, come in altre città della provincia di Avellino, è stata una notte di grande lavoro per la protezione civile e i vigili del fuoco.

Maltempo, emergenza in Campania: colate di fango in Irpinia

Il genio civile ha già avviato una serie di controlli sulla montagna dalla quale nel primo pomeriggio di ieri è cominciata una colata di fango che ha invaso tutto il centro storico, soprattutto la parte alta del paese, dove sono state evacuate le famiglie. La protezione civile regionale ha già trasferito complessivamente oltre 100 brandine.

In particolare, a Monteforte i maggiori problemi si sono riscontrati a Valloncello Oscuro dove in località Pastelle si è creato un invaso in cui si è accumulato molto materiale alluvionale creando problemi per le abitazioni limitrofe. Volontari sono al lavoro in tutta la zona dell’Agro Nocerino-Sarnese dove i tecnici regionali hanno riscontrato la rottura degli argini del Sarno nel territorio di Nocera Inferiore. Allagamenti anche a Mercato San Severino.  In Irpinia, colate di fango a Moschiano e Monteforte Irpino dove si è completamente allagato il centro cittadino: sopralluoghi tecnici da parte del Genio civile sono già previsti per domani mattina.
Altri allagamenti si sono registrati a Forino e Montoro. Nel casertano, intervento dei tecnici della protezione civile regionale a San Nicola La Strada e San Marco Evangelista. Nel napoletano a Quarto allagamenti dovuti a una esondazione: attivato il genio civile. La Sala operativa della Protezione civile regionale è al lavoro h24 per coordinare gli interventi a supporto degli enti locali. La situazione meteo come annunciato dalla vigente allerta Arancione per dissesto idrogeologico diffuso, è stata aggravata dagli incendi dei giorni scorsi.
L’allerta Arancione resta in vigore fino alle 6 di domani mattina quando si passa al Giallo per ulteriori 24 ore, ma con massima attenzione per le aree già interessate dalle precipitazioni a causa dei terreni saturi di acqua e dagli incendi.
(immagine: Irpinia oggi)

 



continua a leggere su Teleclubitalia.it