La Procura di Barcellona Pozzo di Gotto ha aperto un’inchiesta sulla morte di Lorenza Famularo, 22 anni, avvenuta nella notte tra sabato e domenica nell’ospedale di Lipari.

Lipari, Lorenza accusa dolori addominali e muore a 22 anni in sala d’attesa

La ragazza, nei giorni scorsi, era stata più volte al pronto soccorso del comune messinese, riferendo di avere forti dolori all’addome, alla spalla ed al collo, le erano stati prescritti e somministrati alcuni antidolorifici ma la situazione non era migliorata. Nella notte tra il 22 e il 23 la situazione è precipitata fino alla morte in sala d’attesa dell’ospedale.

Ed ora la Procura di Barcellona Pozzo di Gotto vuole vederci chiaro. Lo conferma il procuratore capo Emanuele Crescenti, che già ieri ha delegato Rita Barbieri, sostituto procuratore, a occuparsi dell’indagine.

Stando a quanto reso noto dal Direttore Generale dell’Asp di Messina, Paolo La Paglia, sarebbe emersa una prima irregolarità, imputata ad un infermiere del pronto soccorso di Lipari che avrebbe indirizzato Lorenza Famularo presso la guardia medica, senza attenersi alle procedure sanitarie previste.

“È pervenuta in data odierna la relazione della commissione di indagine interna costituita ieri dalla direzione generale dell’ASP di Messina dopo la morte della povera Lorenza Famularo avvenuta la notte tra 22 e il 23 agosto all’Ospedale di Lipari”, scrive il direttore generale dell’Asp di Messina, Paolo la Paglia.

Per l’infermiere in questione disposto un provvedimento disciplinare. “Preso atto delle valutazioni tecniche espresse dalla Commissione e di concerto con l’Assessore Regionale della Salute Ruggero Razza, che ha seguito personalmente l’evoluzione del caso, ho dato mandato al direttore sanitario dell’Ospedale di Lipari Dott. Vincenzo Compagno di attivare un primo provvedimento disciplinare, nei confronti dell’infermiere del pronto soccorso che alle ore 23:00 del 14 agosto u.s. ha indirizzato Lorenza presso la guardia medica senza attenersi alle procedure sanitarie previste”.

 



continua a leggere su Teleclubitalia.it