assegno universale figli

Via libera del Consiglio dei ministri al Ddl “Misure per il sostegno e la valorizzazione della famiglia”, il cosiddetto “Family act”. Il primo ad annunciarlo è stato via Twitter il leader di Italia Viva Matteo Renzi: “Il Family Act presentato dalla ministra Elena Bonetti alla Leopolda – scrive Renzi – è stato appena approvato dal Consiglio dei ministri. Molto bene. Soldi e diritti per figli e famiglie”. Tra le misure principali previste, a sostegno della famiglia, c’è l’assegno universale per figli.

Il premier Giuseppe Conte ieri lo ha così annunciato: “Abbiamo approvato in Cdm il Family act, per sostenere la genitorialità, contrastare la denatalità, favorire la crescita dei bambini e giovani e la conciliazione della vita familiare con il lavoro, soprattutto femminile. Devo alle ministre Bonetti e Catalfo l’impegno per portare a compimento questo importante provvedimento”.

inlineadv

Assegno universale figli

L’assegno verrà corrisposto dal settimo mese di gravidanza fino al compimento del diciottesimo anno di età di ciascun figlio, ad eccezione della figlia o del figlio disabile per il quale non sussistono limiti di età, tramite una somma di denaro o mediante il riconoscimento di un credito d’imposta, da utilizzare in compensazione. Nel caso di figli successivi al primo, l’assegno subirà una maggiorazione del 20%, così anche nel caso di figlia o figlio disabile.

Verrà dato  a tutti i nuclei familiari con figlie e figli a carico:
– un importo minimo per tutti i nuclei familiari con uno o più figlie o figli, cui viene aggiunta una quota variabile determinata per scaglioni dell’indicatore della situazione economica equivalente (ISEE);
– viene erogato mensilmente con denaro o col riconoscimento di un credito fiscale

– l’assegno non concorre a formare il reddito complessivo;
– è attribuito per ciascun figlia o figlio, fino ai diciotto anni di età
– in caso di figlia o figlio successivo al secondo, l’importo dell’assegno universale è maggiorato del venti per cento;
– l’assegno universale è riconosciuto a decorrere dal settimo mese di gravidanza;
– l’assegno non rileva per il calcolo del reddito ai fini del riconoscimento delle prestazioni di welfare
– nell’erogazione si tiene conto dell’età dei figli a carico.

Leggi anche: Bonus matrimonio nel decreto Rilancio: sconti per cerimonia, abiti e fotografo

related