Nocera Inferiore, caos all’Asl: mamme chiamano i carabinieri

Nocera Inferiore, caos all’Asl: mamme chiamano i carabinieri

Momenti di tensione al Distretto sanitario 60 di Nocera Inferiore. Dodici mamme, ancora in attesa di avere l’autorizzazione alla riabilitazione per i loro figli disabili, hanno richiesto l’intervento dei Carabinieri.

I militari si sono presentati in via Giordano ed hanno chiesto spiegazioni alle donne e ai funzionari degli uffici sanitari di Nocera Inferiore. Le mamme, dal loro canto, hanno spiegato agli uomini dell’Arma che numerose pratiche non era state ancora vistate dall’Asl e che il responsabile d’ufficio le aveva invitate a tornare a febbraio.

“Improvvisamente – ha detto una delle donne presenti – sono state consegnate le autorizzazioni. Qualcuno dall’ufficio ha anche detto che erano pronte ed eravamo noi familiari a non essere andati a ritirarli. Non è così”.

La vicenda, però, non si è affatto conclusa. E a farlo sapere è il centro di riabilitazione Angrisani. Secondo i dati diffusi dall’ambulatorio “ci sono decine di ammalati in attesa di riprendere le cure riabilitative, soprattutto minori”.

“I pazienti – si legge in una nota – a cui è stata interrotta la terapia ambulatoriale sono 57 di cui 38 bambini. Per le terapie domiciliari, invece, sono 59 di cui tre ultranovantenni. Mentre i pazienti in lista di attesa per le terapie in ambulatorio sono 66 di cui 63 bambini; per le cure domiciliari sono 25 di cui un bambino di 11 mesi. In totale mancano all’appello 207 nominativi. Probabilmente l’Asl li considera fantasmi”.



DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.