Gomorra 4, gran finale: “Aspettatevi morti scioccanti”. Ma o Maestrale non si rivela

Gomorra 4, gran finale: “Aspettatevi morti scioccanti”. Ma o Maestrale non si rivela

Sta per giungere al termine anche questa quarta stagione di Gomorra. Questa sera le ultime due puntate di Gomorra 4 andranno in onda su Sky Atlantic  e Sky Cinema Uno, anche in 4K HDR per i clienti Sky Q. Le puntate 9 e 10 hanno lasciato tutti con il fiato sospeso. Il finale del decimo episodio che ha preannunciato l’ingresso di un nuovo personaggio “O’ maestrale” ha lasciato la suspance e la libera interpretazione del pubblico su chi potrebbe essere questo nuovo personaggio.

Le ipotesi nelle prime ore sono state le più disparate, c’è persino chi ha sperato che si trattasse di Ciro Di Marzio. Ma l’ipotesi più accreditata è che si tratti di un nuovo personaggio che dovrebbe personificare il ruolo di Pasquale Barra, “o animale”, luogotenente di Raffaele Cutolo negli anni Ottanta, morto nel febbraio del 2015 nel carcere di massima sicurezza di Ferrara a 72 anni, non prima di essersi lasciato alle spalle oltre 60 omicidi, almeno così sembra, oltre al brutale episodio «copiato» dalla serie, evocando il momento in cui avrebbe “mangiato” il cuore di un di un boss della malavita milanese, Francis Turatello, nel carcere di Badu e Carros a Nuoro.

Il pubblico attende di sapere questa sera chi è appunto questo O’ maestrale ma, secondo alcune indiscrezioni, potrebbe non comparire proprio nelle due puntate di stasera, restando sullo sfondo, rappresentato dalle sue milizie, in attesa di vedere se ci sarà ancora bisogno di lui in “Gomorra 5”.

“L’unica cosa che posso dirvi sulle ultime due puntate è che dovete aspettarvi la morte, la vera protagonista della serie, quella che fa capire che i personaggi di Gomorra sono tutt’altro che dei modelli da seguire” ha detto Claudia Tranchese a Napolitoday,l’attrice che interpreta il ruolo di Grazia Levante, la sorella di Michelangelo che instaura un rapporto speciale con Patrizia (Cristiana Dall’Anna).

Napoli è tornata a essere una polveriera. A nulla sono valsi gli sforzi di Gennaro Savastano per cercare equilibri di potere, per uscire dal campo di gioco, rifarsi una vita, “ripulire” le proprie ambizioni e prima di tutto se stesso. La lotta per il controllo del territorio si è riaccesa. Il clan di Forcella, ormai praticamente decimato, è ancora guidato da Sangue Blu, che però, dopo aver ucciso Ferdinando Capaccio e dopo l’agguato fallito ai danni dei Levante, è ora costretto a vivere nascosto nell’ombra.

La situazione nella famiglia Levante è tesa: Don Gerlando si rende conto che il figlio Michelangelo è sempre più lontano da lui e dai suoi fratelli e sempre più vicino a Patrizia. Per questo intende agire subito. Allontanato da Secondigliano – dopo i falliti attentati Donna Patrì non può commettere l’errore di concedere ulteriore asilo a Sangue Blu – e braccato da Elia Capaccio, Enzo, insieme a Maria e a un manipolo di fedelissimi, vive nascosto nell’ombra. Patrizia è assalita dalla paranoia: sente che suo marito le sta nascondendo qualcosa. Lui, preoccupatissimo per lei e per Bianca, compie un gesto estremo.

DIVENTA FAN DELLA NOSTRA PAGINA
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE DEL GIORNO

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.