parete carabinieri vincenzo dell'aversana legato alla sedia e rapinato

Una notte da incubo per Vincenzo Dell’Aversana, primogenito del dentista Giovanni Dell’Aversana. I fatti risalgono a qualche notte fa, quando il giovane studente è stato aggredito nella sua abitazione, una villa in via Vittorio Emanuele a Parete. 

Da quanto riporta “Il Mattino”, il ragazzo ha raccontato ai carabinieri di essere stato prima svegliato nel sonno poi sequestrato e successivamente picchiato da tre uomini con accento straniero. I malviventi sotto minaccia gli hanno ordinato di aprire la cassaforte, poi lo hanno legato su una sedia e picchiato. 

Sono riusciti a portare via, in una borsa Louis Vuitton, un bottino da 100mila euro in gioielli, soldi e orologi Rolex. Il giovane terrorizzato ha allertato poco dopo le forze dell’ordine, ma all’arrivo dei carabinieri di Parete i banditi si erano già dileguati. 

Una dinamica molto simile alla rapina subita da Francesco Roma, rampollo della famiglia di imprenditori del settore rifiuti. Anche lui immobilizzato in casa sua, picchiato e seviziato da un gruppo di malviventi. Ora le forze dell’ordine indagano a tutto campo su entrambi i casi per giungere all’identità dei malviventi. 



continua a leggere su Teleclubitalia.it