Getta cane in acqua con una grossa pietra al collo: nai guai il proprietario

Getta cane in acqua con una grossa pietra al collo: nai guai il proprietario

Ha gettato il cane con una grossa pietra al collo. E’ accaduto ieri mattina al Lido Valderice, nel trapanese in Sicilia. Il cane è riuscito a liberarsi dal collare e a raggiungere riva, dove è stato subito soccorso dai bagnanti che, assistendo alla scena, avevano già allertato le forze dell’ordine. A quanto pare l’animale si rifiutava di fare il bagno.

Grazie al microchip, si è scoperto che il cane è una femmina e si chiama Mia. Il proprietario, subito identificato dagli agenti della Polizia Municipale, è stato denunciato per il reato di maltrattamento di animali ed il cane sottoposto a sequestro penale. Il Presidente del NOITA Onlus ha ringraziato il sindaco Stabile per essersi interessato alla vicenda.

Anche il ministro dell’Ambiente Sergio Costa è rimasto impressionato dalla storia di Mia e annuncia che si costituirà parte civile nell’eventuale processo contro il padrone della cagnolina. Inoltre il ministro promette un inasprimento delle pene per chi maltratta gli animali.

Questo il messaggio pubblicato dal ministro sulla sua bacheca Facebook: “È stata coraggiosa e forte la cagnolina “Mia”!”, scrive Costa. “E sono stati eccezionali i bagnanti che l’hanno soccorsa, allertato le forze dell’ordine e concorso a denunciare il padrone. Gli animali sono i nostri compagni di vita, i nostri fedeli amici: il loro maltrattamento è un delitto atroce e mi muoverò affinchè le pene siano inasprite. Noi, come ministero, ci costituiremo senz’altro parte civile nell’eventuale processo. Ringrazio di cuore quei cittadini che si sono attivati. Continuate a farlo! Continuate a denunciare i maltrattamenti e gli abbandoni. Noi, saremo al vostro fianco e faremo la nostra parte. Ad maiora semper”.

Teleclubitalia - notizie ed approfondimenti della cronaca di Napoli e dal resto dell'Italia.