Villaricca, decidono di aprire un ristorante al Palazzo Baronale ma scoprono qualcosa di sorprendente

Villaricca, decidono di aprire un ristorante al Palazzo Baronale ma scoprono qualcosa di sorprendente

Villaricca. Decidono di aprire un ristorante nel cuore del centro storico di Villaricca e scoprono le inaspettate radici del Palazzo Barone dove sorgerà il nuovo progetto imprenditoriale.

Panecocolo, ovvero Villaricca, è uno dei borghi più antichi della Campania. Il simbolo che documenta la sua storia è senza dubbio il Palazzo Baronale in Piazza Maione. La cittadina dal centro storico piccolo e accogliente dove sorge il maestoso Palazzo, ultimamente affascina tanti giovani, che scelgono diinvestire sul territorio favorendo lo sviluppo economico, sociale e commerciale.

Ma proprio un’accurata ricerca di alcuni imprenditori che a breve inaugureranno un ristorante dove un tempo Baroni e Marchesi vivevano il proprio quotidiano, rivelerebbe qualcosa di inedito. Quello che tutti oggi conoscono come Palazzo Baronale in realtà sarebbe  stata la residenza di alcuni Marchesi e non Baroni. Dal medesimo titolo nobiliare, infatti, risalirebbe anche il nome della strada denominata Marchesella, strada dei Marchesi appunto.

Sappiamo che il palazzo in questione fu fatto costruire da Giovanni Antonio Parisio il quale, però secondo il recente studio, non sarebbe un Barone, ma un Marchese. Parisio, secondo quando affermato nel testo “Chiesa e comunità nella diocesi di Napoli tra Cinquecento e Settecento” di Carla Russo, nel 1634 Giovanni Antonio Parisio acquistò Panecocolo. Ai Parisi, che ottennero il titolo di Marchesi di Panecoclo nel 1684, rimase il casale fino al 1702, quando Giacinto  Pariso (figlio di Giovanni) lo vendette a Carlo de Taxis per 48.500 ducati. La stessa Marchesella, fu fatta realizzare dai Marchesi allora possessori del casale. Insomma, la storia della città sarebbe così riscritta e grazie alla curiosità di questi imprenditori che hanno deciso di investire nell’antico borgo, potrebbe venire alla luce.

Oggi il Palazzo Baronale ospita diversi uffici tra cui quelli comunali. L’antica dimora dei baroni, o dei marchesi, è sempre stata uno dei luoghi più suggestivi dell’hinterland, ma mai veramente valorizzata. Questo almeno fino ad ora, ora che diversi tra imprenditori e professionisti hanno deciso di investire, dare nuovo lustro e vita alla zona. Baretti e attività di svago apriranno i battenti in piazza, quella piazza teatro di un passato fatto di nobili e casati.

Ai piedi del Palazzo Baronale affacciato su piazza Maione, si inaugurerà a breve un’attività gastronomica sviluppata su due piani: il 1Q84. Il progetto prevede due realtà: ristorante con specialità sushi d’ ispirazione fusion inserito in un menù accurato e raffinato su di un piano, cucina italiana sia tradizionale che rivisitata con particolare attenzione alle materie prime del territorio su di un altro. Due livelli, due menù, due tradizioni, due chef, tutto in un unico ristorante che s’inserirà nel nuovo scenario economico del centro storico villaricchese.

L’idea imprenditoriale ambiziosa e all’avanguardia, promette di essere una vera svolta per il cuore antico di Villaricca sia per lo sviluppo economico e sociale che per quello meramente culturale legato alla storia della cittadina.  Modernità e innovazione  si fondono con le radici di un antico borgo, pregno di storia, una storia che ancora oggi viene riscritta o per meglio dire riscoperta grazie alla curiosità di un gruppo di imprenditori che intendono recuperare le radici più antiche del territorio nel quale hanno scelto di investire.