Vallo della Lucania: prete mette incinta l’amante e la costringe ad abortire

Vallo della Lucania: prete mette incinta l’amante e la costringe ad abortire

Mette incinta la sua parrocchiana, la costringe ad abortire, il marito di lei scopre tutto e denuncia. E’ accaduto in Campania a Vallo della Lucania. Una storia triste che ha come scenario un piccolo paese del Cilento ed un parroco che dopo quanto accaduto è ancora al suo posto. C’è però un processo dinanzi al tribunale ecclesiastico grazie a quell’uomo che nonostante fosse stato tradito ha deciso di farsi giustizia. La storia è raccontata dal Mattino di oggi.

I fatti nel 2012. La donna intrattiene una relazione con il suo parroco. Diversi i mesi nei quali i due si vedono. Poi lei si accorge di essere incinta. Il prete interrompe subito la relazione intimorito da quanto potesse accadere. Intanto la storia comincia a serpeggiare in paese e giunge all’orecchio del marito dell’amante del prete. L’uomo si fa raccontare tutto dalla moglie che intanto abortisce. Intanto però inizia una battaglia contro quel parroco che, secondo quanto raccontato dall’uomo tradito, avrebbe circuito la moglie presa in un momento di fortissima debolezza.

L’uomo racconta tutto al vescovo della zona che però non interviene. Quindi si rivolge alle autorità romane che invece prendono in parola il suo racconto. L’uomo fornisce prove e dettagli, messaggi e intimidazioni che avrebbe subito dallo stesso parroco che lo avrebbe minacciato di spiattellare tutta la storia all’intero paese. Lui però va avanti deciso a mettere in luce quanto accaduto e di far regnare la giustizia dato che il prete, che ha indotto una donna all’aborto, resta ancora in carica. Ora sarà la giustizia dell’uomo a decidere, poi arriverà anche quella divina.