Valanga su hotel, Stefano disperso il giorno dopo il suo compleanno. Le ultime parole

Valanga su hotel, Stefano disperso il giorno dopo il suo compleanno. Le ultime parole

C’è ormai poca speranza per Stefano Feniello, 28 anni, tra i dispersi della slavina che ha travolto l’Hotel Rigopiano, a Farandola, ai piedi del Gran Sasso, in provincia di Pescara.

Il compleanno. 28 anni, salernitano, originario di Valva, di Stefano non ci sono più notizie così come della sua ragazza, Francesca Bronzi, anche lei dispersa. Secondo quanto si apprende, il giovane era lì per festeggiare il suo 28esimo compleanno insieme alla fidanzata, trascorrere qualche momento di relax e spensieratezza, quando il destino si è accanito su di lui: la valanga, probabilmente innescata dalla sequenza sismica di ieri, ha travolto l’Hotel seppellendo le circa 30 persone che vi soggiornavano compresa la coppia.

Le ultime parole alla mamma. “Erano andati lì solo per una notte, una sola”m dice tra le lacrime sua madre a Il Mattino. La donna è a casa, vicino al telefono, guardando la televisione, in attesa di avere notizie sulla sorte di suo figlio e della sua fidanzata. Rifiuta qualsiasi contatto con le persone. Vuole restare sola con la sua disperazione. “Doveva ripartire – dice – aveva anche le catene alla macchina, pensava di riuscire a rientrare a casa sua. Ma c’era troppa neve, è rimasto bloccato in albergo. Non non è potuto partire”. Nella sua ultima telefonata il figlio le avrebbe detto di aver cambiato idea: “Troppa neve, mamma… ci fermiamo un’altra notte, è meglio”. Da lì il buio. “Sono rimasta a questo – continua la donna con voce spezzata – gli ho detto che forse era la soluzione migliore… Pensavo che fosse più sicuro restare che partire, mettersi in auto. Poi è successo tutto quello che è successo ed ora non sappiamo nulla, non sappiamo nulla…”.

Il giovane campano attualmente disperso abitava a Silvi Marina, sempre in Abruzzo, ma in provincia di Teramo, dove la famiglia si era trasferita per motivi di lavoro alcuni anni fa. A Valva ci sono tanti parenti in attesa di conoscere l’esito delle ricerche. Il sindaco di Valva, Vito Falcone, ha contattato la Prefettura di Salerno per avere notizie immediate sui soccorsi e sul destino del suo concittadino.

Le ricerche. Continuano intanto le ricerche finalizzate a trarre in salvo dalle macerie dell’Hotel altre persone. Dopo l’uomo estratto senza vita stamattina, sono stati estratti altri due corpi. Due persone sono in salvo, ma ci sono ancora oltre venti dispersi. Sei persone – secondo quanto apprende l’ANSA – sono state individuate vive dai viigli del fuoco sotto la slavina che ha travolto l’Hotel Rigopiano. I vigili del fuoco sono in contatto con i sei sopravvisuti con i quali hanno più volte parlato. Al momento sono ancora sotto le macerie. Il primo contatto con i sei è stato poco dopo le 11.

“Abbiamo trovato sei persone, sono vive, ci stiamo parlando”. Lo riferiscono all’Adnkronos fonti dei vigili del fuoco impegnati nei soccorsi all’hotel Rigopiano. I sei si troverebbero nella zone della cucina e sarebbero riusciti a sopravvivere protette da un solaio. Sul posto si stanno recando gli elicotteri dei vigili del fuoco. Il gruppo di sopravvissuto avrebbe retto al freddo di queste notti aspettando i soccorsi. Tutti sperano che sotto le macerie ci siano, vivi, anche Stefano Feniello e la ragazza Francesca Bronzi.

morti