Terremoto a Ischia: due morti, salvato un neonato dalle macerie. VIDEO

Terremoto a Ischia: due morti, salvato un neonato dalle macerie. VIDEO

Forte scossa di terremoto a Ischia: almeno dieci dispersi sotto le macerie e due morti accertati. Una vittima è Lina Cutaneo, di Casamicciola (FOTO), schiacciata dai calcinacci della Chiesa del Purgatorio. Un’altra donna sarebbe rimasta schiacciata in casa sua. Il sisma è stato avvertito distintamente su tutta l’isola, da Barano a Forio, verso le 21 di oggi, 21 agosto. Centinaia le persone e i turisti che si sono riversate in strada per la paura. Disposta in via precauzionale l’evacuazione dell’ospedale Rizzoli.

A Barano crollati alcuni muri perimetrali ma i danni maggiori sono stati registrati a Casamicciola. Trentanove i feriti trasportati al pronto soccorso, di cui alcuni gravi. Si scava nelle macerie per salvare i dispersi, tra cui un’intera famiglia. Stanotte è stato estratto vivo dalle macerie un neonato di pochi mesi.

Un neonato di pochissimi mesi è stato estratto vivo alle 4 del mattino ad Ischia in località Casamicciola dove il terremoto è stato avvertito in maniera molto forte. Pasquale, questo il nome del bimbo, è stato salvato e poco prima di lui era stato estratto il padre, il tutto grazie alle indicazioni della madre che era sul posto e contribuiva a identificare il punto esatto in cui scavare. A condurre le operazioni i vigili del fuoco che ora continuano a scavare perché pare ci siano ancora nella stessa casa nascosti sotto al letto i due figli maggiori della coppia.

A seguito del sisma, è saltata la corrente sull’intera isola ed è stato registrato un breve blackout. Fuori servizio anche la linea telefonica. La scossa ha interessato anche l’isola di Procida e la costa flegrea (Pozzuoli e Bacoli). L’INVG (Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia) ha confermato l’evento: terremoto di magnitudo di 4.0 con epicentro a Forio e profondità di 10 chilometri. Convocato un tavolo d’urgenza della Protezione Civile.

Attivata l’unità di crisi anche all’ospedale Cardarelli di Napoli. Al momento le forze dell’ordine sull’isola, tra tutti i corpi, sono 100 unità, tante vista la grandezza dell’isola, ma poche rapportate alle persone in vacanza e all’emergenza del terremoto. Un traghetto è stato messo a disposizione delle forze dell’ordine per far raggiungere l’isola a polizia e carabinieri.

FOTO E VIDEO

Processed with MOLDIV

21039639_1487918401254408_1428158726_n 21015598_1487918501254398_397294939_n 21015572_1487918451254403_127925899_n 21015419_1487918414587740_3104675_n 21013338_1487918534587728_935883661_n