Terremoto, altro che sciacalli. Napoletano salva due famiglie

Terremoto, altro che sciacalli. Napoletano salva due famiglie

Napoli. Nei giorni successivi al sisma che ha sconvolto l’Italia centrale, si è parlato di uno sciacallo napoletano arrestato ad Amatrice; una notizia che ha aizzato il popolo dei social, pronto a puntare il dito contro i cittadini partenopei. Eppure c’è un altro napoletano, un uomo che con il suo coraggio e la sua bontà, ha salvato due nuclei familiari, mettendo a rischio la sua stessa vita.

Raffaele Festa, Lello per gli amici,  è un elettricista napoletano di 42 anni, da quasi 20 ad Amatrice, sposato e padre di due bambini, che quella maledetta notte ha messo a repentaglio la sua vita per salvarne altre. «Non ho fatto niente di straordinario, chiunque lo avrebbe fatto al posto mio». La pensa diversamente Micaela Moriconi, mamma del piccolo Michele di 8 anni, rimasto intrappolato in casa mentre crollava tutto con i suoi nonni, e salvato da Raffaele, che ha prontamente sfondato la porta e messo in salvo tutti e tre, dopodiché, è corso in un’altra casa, rompendo un’altra porta e salvando un altro nucleo familiare.

«Abbiamo perso tutto, non abbiamo più niente, ma ho mio figlio – ha raccontato Micaela – e questa è la cosa che conta di più, ecco perché sarò sempre riconoscente a Raffaele». Sin da bambino Raffaele ha affrontato la vita e le vicissitudini ad essa associate, ha perso il padre appena adolescente rimboccandosi le maniche ed andando avanti.

Otre un metro e novanta di altezza per quasi 100 chili, Raffaele è il gigante buono d’Italia, uno degli eroi di Amatrice, un napoletano, degno figlio di questo paesino, che di sicuro grazie a persone come lui, si riprenderà presto.

Fonte: Il Mattino