Strage familiare in Svizzera, uccisi tre napoletani

Strage familiare in Svizzera, uccisi tre napoletani

Una strage familiare è avvenuta all’alba di ieri nei pressi della città svizzera di Berna. Sono stati ritrovati senza vita tre napoletani. Poco dopo le ore 5 è arrivata una segnalazione alla polizia di Interlaken, nella regione dell’Oberland, per una furiosa lite condominiale.

Poi sul posto la terribile scoperta degli agenti: due corpi senza vita, a terra in un lago di sangue nel salone al piano terra di un elegante villino ed un terzo agonizzate. Subito la la polizia ha diffuso un comunicato.  “Un uomo e una donna sono stati trovati morti – si legge nella nota degli investigatori – mentre un terzo uomo è deceduto poco dopo il ricovero in ospedale”. Le vittime sono tutte originarie di Napoli: Pasquale Orefice (in foto) e la moglie Anna Esposito. Vivevano in Svizzera da 25 anni. Da identificare la terza vittima, potrebbe trattarsi del fratello della donna.

L’uomo era un noto imprenditore del settore ittico e riforniva di pesce ristoranti ed alberghi della zona. Un vero e proprio mistero. Non stati ritrovati bossoli e segni d’arma da fuoco sulla scena del crimine e l’arma usata potrebbero essere quindi dei coltelli. “Secondo le prime informazioni – ha comunicato la Polizia elvetica bernese – si deve presumere che il triplice omicidio sia scaturito da un litigio familiare: niente attualmente indica il coinvolgimento di terzi”. Indagini sono però ovviamente in corso per chiarire i contorni della terribile tragedia.