Stese nella Sanità: scarcerato Walter Mallo. Non ci sono prove a suo carico

Stese nella Sanità: scarcerato Walter Mallo. Non ci sono prove a suo carico

Scarcerato Walter Mallo. La decisione del tribunale del Riesame a seguito dell’arresto dello scorso 25 luglio. Mallo che era già in carcere e, ci resta poiché imputato in altri processi, fu raggiunto da una ordinanza eseguita dai carabinieri e polizia nel rione Sanità. Nel blitz furono arrestate nove persone e  fu sgominato gruppo criminale. Tra gli indagati gli autori e mandanti delle «stese» tra il 2011 e il 2016. Mallo, difeso dall’avvocato penalista Giovanni Lo Russo, però è risultato completamente estraneo a questa vicenda e per questo è stata predisposta la scarcerazione.

La questura e i carabinieri del comando provinciale di Napoli eseguirono gli arresti per i reati associazione di tipo mafioso finalizzata a omicidi, estorsioni, traffico di stupefacenti e violazione della legge sulle armi. Le indagini si concentrarono soprattutto sul capoclan Antonio Genidoni e su altre persone collegate a vario titolo al suo nucleo familiare. Gli investigatori ricostruirono il ruolo di diversi affilaiti al clan Esposito-Genidoni. Tra i destinatari del provvedimento restrittivo, oltre a Genidoni, c’erano anche la madre Addolorata Spina, la moglie Vincenza Esposito, Alessandro Daniello e Salvatore Emanuele Esposito, Francesco Spina, Salvatore Basile, Agostino Riccio e appunto Mallo, risulta oggi estraneo a questa vicenda.