Speciale Acqua a Marano ultima puntata. Alla degli anni ’90 la città vinse la “grande sete”

Speciale Acqua a Marano ultima puntata. Alla degli anni ’90 la città vinse la “grande sete”

Marano. Negli anni ’90 l’arsura era di casa a Marano. L’emergenza idrica a volte si prolungava, mettendo in ginocchio centinaia e centinaia di abitazioni, per cui si era costretti a fare ricorso alle autobotti private per poter garantire il fabbisogno delle famiglie.  In alcune zone (via Cinque Cercole, via Pigno, una parte di via Marano Pianura) la crisi idrica era un fatto quasi endemico. A Torre Caracciolo ogni giorno arrivavano le cisterne dei vigili del fuoco, scortate dalla polizia municipale per evitare che l’acqua finisse prima nelle case dei potenti e poi in quelle degli altri cittadini.

Allora l’ex sindaco Bertini, verso la fine degli anni ’90 decise di potenziare l’approvvigionamento attraverso alcuni pozzi artesiani, ma la grande panacea fu quella di collegare le vasche della Recca con la conduttura principale proveniente dalle vasche di Vallesana, che alimenta il centro cittadino. Inoltre, attraverso la conduttura principale di via San Rocco si provvide a far arrivare l’acqua nelle traverse di zona Castel Belvedere. Ma come arriva l’acqua nelle case dei maranesi. Ecco la mappa delle condotte. Ci sono tre condotte principali. La prima, gestita da Acqua Campania, proviene dall’acquedotto di Cassino (tubo 1) e va a immettersi direttamente  nelle vasche di accumulo C1, nei pressi della rotonda San Rocco. A queste vasche è collegato il tubo 2 (realizzato durante l’amministrazione Bertini) che porta l’acqua alle frazioni di San Rocco e Monteleone.

Sempre dalla C1, l’acqua viene pompata (tubo 6) nelle vasche di accumulo C2 ubicate in via San Rocco.  Da qui, una parte viene immessa in una tubazione (7) che serve via Adda, rione 48 e tutta via San Rocco fino all’incrocio con Corso Mediterraneo; un’altra va nelle vasche Pendine ( tubo 8). Queste ultime forniscono acqua (tubo 11) alla zona di Fuoragnano e via Pendine e alle vasche C3 (tubo 9) di via Recca. Dalla C3 (tubo 9), tramite pompaggio, l’acqua arriva nelle vasche della Recca (tubo 10), a pochi metri dal complesso Adelaide. Dalla Recca parte un grosso adduttore (12) dal quale prelevano l’acqua gli abitanti di Città Giardino, via Casalanno e parte di via Marano-Quarto. La seconda condotta (alimentata da ABC ex Arin) che porta l’acqua a Marano proviene dalla zona ospedaliera (tubo 16): serve tutte le case a ridosso della collina e la parte alta della città e va a congiungersi (17) con l’adduttore (12) che proviene dalle vasche della Recca.  La terza condotta (tubo 15) arriva da San Rocco di Capodimonte e alimenta le vasche di Poggio Vallesana, da cui attinge (tubo 14) la restante parte di Marano (corso Europa, via Falcone, corso Umberto, via Merolla e così via).

Per fronteggiare la crisi idrica ed elevare la pressione in molte zone del centro, durante l’amministrazione Bertini di fine anni novanta, fu costruita una nuova condotta (tubo 13) che, partendo dalle vasche della Recca e dopo aver attraversato via Del Mare (città Giardino), Masseria San Castrese, piazza Plebiscito, va a congiungersi (in via IV Novembre) all’adduttore principale (14) proveniente dalle vasche di Vallesana. Nelle vasche C1, oltre all’acqua proveniente da Cassino ci finivano (ora non più) anche le acque del pozzo san Rocco (tubo 3) e di un pozzo artesiano (tubo 4) ricavato proprio nei pressi delle vasche di accumulo. Inoltre, sempre per fronteggiare la crisi idrica, si pensò di costruire una condotta (5) che avrebbe dovuto prelevare l’acqua dal pozzo Migliaccio (ubicato a Calvizzano) per portarle nelle vasche C1. Fu bandita pure la gara d’appalto vinta dalla Cogesa di Casal di Principe. Poi non si è fatto mai ricorso a quest’acqua, poiché non si è mai verificato il bisogno.

Di Domenico Rosiello