Sesso tra poliziotte e detenuti, spuntano nuovi dettagli

Sesso tra poliziotte e detenuti, spuntano nuovi dettagli

Brescia. Emergono nuovi inquietanti dettagli sugli incontri hot tra agenti donne e detenuti sarebbero avvenuti all’interno del carcere di Verziano, alle porte di Brescia. A filmare gli incontri di sesso – a quanto pare anche molto focosi – tra due poliziotte e due detenuti della casa di reclusione le telecamere di videosorveglianza. E’ così che sarebbe stato scoperto l’insolito risvolto a luci rosse della vita penitenziaria nella casa circondariale.

Le poliziotte entravano nelle celle durante gli orari notturni, lontani dagli occhi indiscreti, si infilavano nelle brandine e facevano sesso con i detenuti. Peccato che i focosi amanti non abbiano fatto i conti con la legge, visto che i rapporti sessuali sono vietati dal regolamento non solo all’interno del carcere, ma anche al di fuori dove non possono esistere relazioni tra operatori e reclusi.

La procura di Brescia ha aperto un’inchiesta per fare luce sulla vicenda. Il responsabile sindacale Cgil Lombardia della polizia penitenziaria Calogero Lo Presti ha dichiarato a Il Giornale: Auspichiamo che la procura della Repubblica di Brescia effettui le indagini in breve tempo possibile, facendo luce sulla vicenda. Esprimiamo la nostra vicinanza e solidarietà al corpo della polizia penitenziaria, e in particolar modo al personale femminile di Verziano, che con vero spirito di sacrificio e dedizione assolve ai propri doveri istituzionali nonostante la forte carenza di organico e con tutti i rischi e pericoli che quotidianamente affrontano”.

La direttrice del carcere Francesca Lucrezi preferisce invece mantenere il silenzio così come il procuratore capo di Brescia Tommaso Buonanno: “Per il momento preferiamo che non emerga nulla di più rispetto a quello che la stampa conosce”.

Foto: archivio

 

Facebook