Sesso spinto in un condominio, i vicini chiamano la polizia

Sesso spinto in un condominio, i vicini chiamano la polizia

Treviso. Sesso bollente. Forse troppo. Tanto che i condomini, per placare le voglie dei due amanti, hanno chiesto l’intervento della Polizia in un condominio alla periferia di Treviso.  A chiamare il 113 sono stati alcuni residenti della palazzina in cui era in corso un incontro amoroso.

I rumori provocati dai due amanti focosi hanno irritato i residenti del piano superiore che, nonostante i ripetuti avvertimenti, non sono riusciti a ristabilire il silenzio. Letto che balla, mugolii, urla. Così, senza esitare, hanno richiesto l’aiuto della polizia. Gli agenti, dopo aver effettuato un sopralluogo nel palazzo, si sono visti costretti a suonare il campanello e invitare i due ad un comportamento più rispettoso.

La telefonata alla Questura è arrivata alle 21. Non era notte inoltrata ma comunque i residenti hanno spiegato che con quei rumori molesti avevano difficoltà a dormire.