Scacco ai Bidognetti: 7 condanne per il pizzo sulle luminarie. I NOMI

Scacco ai Bidognetti: 7 condanne per il pizzo sulle luminarie. I NOMI

Arrivano le prime condanne nell’inchiesta della DDA sul pizzo camorristico agli imprenditori attivi nel settore delle luminarie, per l’ornamento delle feste di paese.

Ieri il gip del Tribunale di Napoli D’Urso ha inflitto sette condanne con rito abbreviato ad altrettanti pregiudicati dell’agro aversano, originari principalmente dei comuni di Parete e Lusciano.

La condanna più pesante, 10 anni, è stata inflitta a Pietro Chianese, di Parete, detto “‘u figlio du’ santulillo”, per associazione camorristica. Condanna ritenuta in continuazione con un’altra sentenza irrevocabile della Corte d’Assise di Napoli.

Le indagine condotte dai Carabinieri hanno accertato numerose estorsioni tra il 2010 e il 2014, ai danni principalmente di imprenditori attivi nel settore delle luminarie, ma anche nell’edilizia e nella vendita di generi alimentari. Gli importi richiesti andavano dai 500 ai 3000 euro.

Ecco i nomi di tutti i condannati:

  • Pietro Chianese, di Parete, 10 anni
  • Giuseppe Barbato, di Lusciano, 3 anni
  • Raffaele Cirillo, di Cesa, 3 anni
  • Domenico Di Martino, di Lusciano, 4 anni
  • Vincenzo Di Sarno, di Parete, 8 anni
  • Renato Piccolo, di Casapesenna, 3 anni
  • Lorenzo Tamburrino, di Aversa, 3 anni                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 Foto Edizione Caserta