Salerno, Valentina Cerrato muore a 15 anni: i suoi organi salveranno 5 bambini

Salerno, Valentina Cerrato muore a 15 anni: i suoi organi salveranno 5 bambini

Muore sotto gli occhi del fidanzato 18enne. A soli 15. Ma il sacrificio di Valentina Cerrato non sarà vano: i suoi organi saranno donati a 5 bambini che avranno così salva la vita.

E’ questo il gesto d’amore e di altruismo della famiglia Cerrato per la perdita della figlia. L’incubo è cominciato lo scoros 1 giugno, quanto Valentina è rimasta coinvolta in un incidente in scooter a Mercato San Severino, in provincia di Salerno, sulla strada che dalla frazione Curteri conduce a Sant’Angelo. Con lei a bordo del mezzo anche il fidanzato 18enne. Dopo 4 giorni di coma farmacologico la ragazzina politraumatizzata presentava, tra l’altro, un ematoma subdurale ed una vasta emorragia subaracnoidea.

Ricoverata in prognosi riservata nella Rianimazione dell’Ospedale Ruggi di Salerno, in mattinata l‘elettroencefalogramma è risultato piatto ed i genitori, nonostante il dolore per la perdita della figlia, hanno voluto compiere questo enorme gesto di grande altruismo consentendo il prelievo degli organi che, considerata la giovane età, andranno a bambini in attesa di un gesto d’amore.

La comunicazione è arrivata direttamente dalla Direzione Generale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria. In serata, al termine dell’osservazione di morte, è arrivata anche l’autorizzazione verbale, previa vista medico legale esterna, del Magistrato del Tribunale di Nocera Inferiore.

Definite tutte le donazioni di Valentina Cerrato, si è svolto il prelievo: ad eseguire l’intervento è stato sia l’equipe proveniente dall’ospedale Bambin Gesù di Roma che porterà a bambini ricoverati nella capitale il cuore, il lobo destro del fegato e un rene, sia l’equipe proveniente dall’ospedale di Padova che preleverà il lobo sinistro del fegato e l’altro rene per portarli a bambini in attesa di trapianto. In particolare il bimbo che riceverà il lobo del fegato è molto piccolo.

Cinque piccoli malati che grazie a questo gesto d’amore potranno ritrovare il sorriso. Ma il lavoro incessante dei medici della Rianimazione non è terminato. Stanno, infatti, in queste ore, cercando di trovare allocazione anche per il pancreas.