Rifugiati politici di giorno e spacciatori di notte. In manette due nigeriani

Rifugiati politici di giorno e spacciatori di notte. In manette due nigeriani

Napoli. Ieri sera, gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato Decumani, hanno arrestato a Largo Giusso, in prossimità dell’Istituto Universitario L’Orientale, due cittadini nigeriani accusati di spaccio e detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio. Uno è il 28enne John Okolie, già arrestato per spaccio e con domanda di asilo politico presentata alla Questura di Teramo lo scorso 23 giugno. Lo straniero aveva ottenuto un permesso di soggiorno scaduto il 18 dicembre ma da allora aveva fatto perdere le sue tracce. Il secondo è il 18enne Destiny Iz Azagidi, attualmente in Italia con un foglio di soggiorno per rifugiati politici.

L’arresto è il frutto di una paziente attività investigativa concentrata su tutta l’area che interessa la movida del centro storico dove numerosi stranieri, provenienti dall’Africa occidentale, hanno organizzato una permanente attività di spaccio svolta soprattutto nel tardo pomeriggio. Un lunga attività di appostamento ha consentito ai poliziotti di Decumani di individuare nei due africani il classico tandem costituito dal detentore delle dosi e dal venditore che per ragioni di sicurezza tiene con se solo la dose da vendere.

Colti in flagranza di reato i due africani sono stati pertanto bloccati. Iz Agiazidi è stato infatti trovato in possesso di tre stecchette di hashish , 5 bustine di marijuana e 30 euro. Il complice, sorpreso nell’atto della cessione della sostanza, non aveva nulla con se. L’assuntore acquirente datosi alla fuga ha lasciato però cadere al suolo una stecchetta di hashish. I due africani sono stati pertanto arrestati ed in mattinata saranno processati con rito direttissimo.