Rifiuti, incastrata una ditta di Giugliano che sversava a Casacelle

Rifiuti, incastrata una ditta di Giugliano che sversava a Casacelle

GIUGLIANO. Smaltimento illegale dei rifiuti, individuati dalla Polizia Municipale criminali che avevano abbandonato rifiuti nelle campagne del Borgo di Casacelle, dopo aver abbattuto un cancello.

Le indagini sono partite dalla denuncia del proprietario del fondo agricolo, che aveva rinvenuto 15 sacconi neri contenenti rifiuti speciali non pericolosi.La Polizia ambientale, coordinata dal Comandante Maria Rosaria Petrillo, con guanti e mascherine ha rovistato tra i rifiuti per ricercare elementi utili a risalire ai responsabili. Dagli elementi rinvenuti, gli agenti si sono convinti che vi fosse in atto un’attività di ristrutturazione in un Ufficio Postale di Napoli e che i materiali di risulta e quelli rimossi dall’ufficio postale potessero essere stati smaltiti illegalmente nelle campagne giuglianesi.

Le indagini hanno quindi preso la via di Napoli, dove è stato appurato fossero in corso lavori di ristrutturazione presso un ufficio postale, manco a farlo apposta affidati ad una ditta di Giugliano.

Gli agenti hanno quindi invitato il Direttore dell’ufficio postale per interrogarlo, riuscendo, così a ricostruire l’accaduto. Ad esito delle indagini, sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria per danneggiamento e sversamento illecito di rifiuti il Direttore dell’ufficio postale, il Direttore dei servizi finanziari delle Poste, il Direttore dei lavori, e la ditta esecutrice dei della ristrutturazione.

Proseguono le indagini per verificare se tra i costi della ristrutturazione erano previsti anche i costi di smaltimento dei rifiuti ed il loro ammontare, onde verificare se integra gli estremi della condotta illecita, anche l’aver intascato, da parte della ditta costruttrice, i costi di smaltimento per poi far gravare gli stessi sui cittadini di Giugliano, attraverso l’abbandono sul territorio.

“La Polizia municipale sta intensificando i controlli sull’abbandono di rifiuti -afferma il Sindaco, Antonio Poziello-. Sono decine le aziende individuate e denunciate per lo smaltimento illegale dei rifiuti e diverse centinaia le multe irrorate. Da parte nostra -prosegue- c’è una notevole attenzione al tema. A breve sarà anche ulteriormente implementata la rete di videosorveglianza comunale”.