Ragazzo gay preso in giro sulla Circumflegrea, passeggeri indifferenti alla richiesta d’aiuto

Ragazzo gay preso in giro sulla Circumflegrea, passeggeri indifferenti alla richiesta d’aiuto

Un nuovo caso di omofobia a Quarto, comune dei Campi Flegrei in provincia di Napoli. E’ l’Arcigay di Napoli a denunciare l’accaduto. Dario, un ragazzo omosessuale, è stato vittima di un’aggressione verbale su un convoglio della Linea Circumflegrea dell’Eav: alcuni coetanei hanno cominciato a prenderlo in giro e a deriderlo a causa del suo abbigliamento, nonostante le richiesta di aiuto agli altri passeggeri, ignorate con indifferenza.

L’aggressione si è ripetuta poi anche per le strade della cittadina flegrea, giunto a Quarto, infatti, la situazione si ripete. Dario viene preso in giro prima da dei ragazzini e poi da altre persone che lo seguono per tutto il tragitto. Anche in questo caso le richieste d’aiuto a vari commercianti della zona si rivelano inutili se non deleterie. Anche i Carabinieri , a cui Dario chiede di essere accompagnato a casa, affermano di non poter fare nulla.

In seguito alla denuncia mediatica, il ragazzo è stato contattato dal Comune di Quarto ed ha poi incontrato il Sindaco che si è impegnato nel mettere in campo azioni di contrasto contro l’omofobia.

“Si tratta dell’ennesimo caso di questo tipo che ormai si verificano con sempre maggiore frequenza”, dichiara Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli. “Auspichiamo una ferma condanna da parte dell’EAV Campania che ha sempre sostenuto sui treni della Circumflegrea e della Cumana le nostre campagne contro l’omofobia in occasione degli ultimi Pride. Così come speriamo che il Comune di Quarto possa cogliere l’occasione per dare vita a champagne di contrasto culturale contro il bullismo e l’omofobia a partire soprattutto dalle scuole ma anche in quei luoghi di aggregazione come, appunto, i mezzi di trasporto pubblico.”