Ragazzo accoltellato, mamma dell’aggressore: “Mio figlio vittima. Dicevano che puzzava”

Ragazzo accoltellato, mamma dell’aggressore: “Mio figlio vittima. Dicevano che puzzava”

Napoli. Spunta un’altra verità sul ragazzino accoltellato in vico San Severino a Napoli, ora fuori pericolo. A parlare poco fa ai microfoni di Radio Punto Nuovo la mamma di G.A., il 14enne di Forcella autore dell’aggressione.

“Mio figlio è vittima di bullismo da anni – ha dichiarato la mamma del ragazzino -. Dicevano che puzzava per il colore della sua pelle. Suo padre era pakistano. Si faceva anche tre docce al giorno pur di non sentirsi preso in giro dagli amici di classe“. Dalle continue angherie e dai continui soprusi sarebbe dunque nata la reazione violenta.

A Repubblica Napoli ha fornito inoltre anche dettagli sulle circostanze che hanno spinto il figlio ad accoltellare il compagno di 15anni: “”Mio figlio voleva chiarire con questo ragazzo – dice ancora Antonietta – un anno fa si erano picchiati e mio figlio era stanco”.

Il ragazzo era rimasto solo, continua il racconto della mamma, è stata andando via, “ma il ragazzo ferito l’ha mandato a chiamare”. “Mio figlio ha provato a sistemare – aggiunge – ma è stato spintonato, picchiato e ha reagito nel peggiore dei modi. Siamo stati noi – conclude – a trovarlo e a portarlo al Commissariato”

 

Facebook