Posta in ritardo, aggrediti portalettere in provincia di Napoli

Posta in ritardo, aggrediti portalettere in provincia di Napoli

Posta in ritardo, Napoli tra le zone dove il fenomeno si sta verificando più volte. Ritardi nella consegna di lettere e bollette nella provincia di Napoli e gravi disagi per utenti ed enti. Una situazione di caos che va avanti ormai da giorni e ha portato molti cittadini all’esasperazioni.

 

In alcuni casi ad essere presi di mira, fino all’aggressione, sono stati i postini, in altre situazioni vistisi presi d’assalto dai cittadini hanno avuto malori.

Il sindacati postali puntano il dito contro l’azienda: “È sotto gli occhi di tutti la pesantissima situazione di criticità organizzativa in tutti i bacini di recapito della provincia di Napoli», scrivono: «Siamo allibiti di fronte alla volontà dell’azienda di ostinarsi con un sistema che mostra molti limiti. Va ripristinata l’agibilità, per la tutela del servizio e dei lavoratori. In caso contrario saremo costretti a intraprendere iniziative, anche con ricorsi”

 

 

La causa di tutto questo è sicuramente la mancanza di postini e di impiegati negli uffici postali, dopo l’introduzione del piano nazionale delle poste e della manovra nazionale, entrata in vigore lo scorso 10 ottobre, c’è stata sia una riduzione del personale che dei giorni previsti per la consegna delle lettere,  e dell’inserimento del nuovo sistema della consegna a giorni alterni.