Piantagioni di marijuana a Giugliano, Qualiano e Acerra: maxi sequestro della GdF

Piantagioni di marijuana a Giugliano, Qualiano e Acerra: maxi sequestro della GdF

Area Nord. Sequestrati oltre 100 chili di cannabis. Nel quadro del controllo economico del territorio e della costante attività esercitata dal corpo a contrasto dei traffici illeciti in genere, militari del comando provinciale e del reparto operativo aeronavale della Guardia di Finanza di Napoli, hanno sequestrato 3 piantagioni di marijuana ubicate nella provincia ed in particolare negli agri di Qualiano, Giugliano in Campania ed Acerra.

L’attività di servizio è scaturita dalle missioni di volo condotte nei giorni precedenti dalla sezione aerea di napoli che individuava, sebbene occultate all’interno di una fitta vegetazione, le 3 zone adibite alla illecita coltivazione delle sostanze stupefacenti. a seguito di tale scoperta sono stati attivati i reparti del corpo competenti sul territorio
– il gruppo di Giugliano in Campania e la compagnia di Casalnuovo di Napoli – che hanno predisposto un apposito servizio info-investigativo volto ad individuare i responsabili.

Nella giornata di ieri, i militari dei citati reparti, in tre distinte operazioni, hanno sottoposto a sequestro le piantagioni, composte da numerosi arbusti pronti per la imminente raccolta, per un peso complessivo di oltre 100 kg di sostanza stupefacente, nonché l’attrezzatura utilizzata per l’irrigazione e la cura delle piante.

Al termine dell’operazione sono stati tratti in arresto due pregiudicati residenti nella provincia napoletana, sorpresi ad occuparsi della piantagione di marijuana ubicata nell’agro di Qualiano, all’interno di una cava abbandonata, difficilmente accessibile. Per le altre 2 piantagioni i militari hanno denunciato all’autorità giudiziaria competente i 2 proprietari dei fondi agricoli su cui insisteva l’illecita coltura.

L’attività di servizio svolta testimonia il costante presidio esercitato dalla guardia di finanza sul territorio a salvaguardia delle leggi vigenti ed a contrasto un fenomeno connotato da forte pericolosità sociale.

IL VIDEO: