Pestaggio e spaccio di droga, quattro arresti. Sotto chiave il “bar Gigi”

Pestaggio e spaccio di droga, quattro arresti. Sotto chiave il “bar Gigi”

Provincia. Quattro ordinanze per spaccio e lesioni. Nelle mattinata odierna, in Torre Annunziata (NA) e Boscotrecase (NA), i Carabinieri della Compagnia di Torre Annunziata hanno dato esecuzione a un’ordinanza di applicazione di misura cautelare – emessa dal GIP del Tribunale di Torre Annunziata su richiesta della locale Procura – nei confronti di 7 indagati, ritenuti, a vario titolo, responsabili – in concorso – di tentata estorsione, spaccio sostanze stupefacenti e lesioni aggravate.

Nello specifico il provvedimento prevede 3 ordinanze di custodia cautelare in carcere, nr. 2 agli arresti domiciliari e  nr. 2 obblighi di presentazione alla P.G. Le indagini, avviate dalla Stazione Carabinieri di Trecase nel mese di febbraio 2015 a seguito di un’aggressione da parte di due individui (travisati da passamontagna ed uno armato di bastone chiodato) in danno di un sorvegliato speciale di P.S., sono state condotte con specifici servizi di osservazione supportati da attività tecniche d’intercettazione telefoniche/ambientali e video.

L’intervento dei Carabinieri, coordinato da questa Procura, ha consentito di:
–      individuare il mandante ed uno degli esecutori materiali del suddetto pestaggio;
–      chiarire il movente di tale aggressione, ovvero quello di recuperare il credito di stupefacente vantato nei confronti della vittima;
–      monitorare circa 330 episodi di spaccio di sostanze stupefacenti avvenuti, in 30 giorni circa, all’interno dei locali commerciali all’insegna “Bar Gigi”, ubicati nel rione popolare denominato “Murattiano” di Torre Annunziata;
–      denunciare in s.l. per spaccio di sostanze stupefacenti una persona di Boscotrecase (classe 1988), nonché segnalare quali assuntori di sostanze stupefacenti circa 20 acquirenti, provenienti dai comuni limitrofi e del napoletano, nonché dall’agro nocerino-sarnese, sequestrando 22 dosi di marijuana (20 gr. circa) e 1 dose di hashish (1 gr. circa);

Contestualmente veniva data esecuzione al decreto di sequestro preventivo dei locali all’insegna “Bar Gigi”, base operativa dell’attività illecita e trasformato a rivendita al minuto di sostanze stupefacenti.