Parla l’amministratore ANM: “Non forniamo un servizio degno della città. Vi spiego tutti i retroscena”

Parla l’amministratore ANM: “Non forniamo un servizio degno della città. Vi spiego tutti i retroscena”

Alberto Ramaglia, amministratore unico dell’ANM parla a Radio CRC nel corso di Barba&Capelli. Importanti le parole di Ramaglia perché si ha una presa di coscienza dell’azienda che promette nuovi investimenti: “Abbiamo la volontà di collegare il quartiere di Chiaia e Santa Lucia con la stazione di Piazza Municipi.

 Sono 380 i pullman realmente in circolazione, questo perché abbiamo una flotta molto vecchia con un’età media superiore ai 15 anni, ma ci sono anche il 30% dei pullman con età superiore ai 18 anni. Bisogna solo attendere, la gara d’appalto è già stata assegnata, ed entro la prima metà dell’anno ci saranno già 60 nuovi bus. Attualmente sono pochi perché in 5 anni non sono stati fatti altri acquisti. Il nostro servizio attualmente va avanti a fatica. Sono il primo a riconoscere che non è un servizio all’altezza della città.

 

Sui biglietti vi dico che il Ticket Integrato permette di superare il preconcetto che non esiste più l’Unico Campania. Ha semplicemente cambiato nome. Il fatto è che oltre a permettere il suo utilizzo per novanta minuti, abbiamo inserito anche la corsa semplice. Tra poco avremo le stime dei ticket venduti, ma l’evasione è nelle medie italiane, anche grazie all’apporto della polizia municipale. Per le funicolari la media è del 4% mentre sulla Linea 1 della Metro è del 7-8%. Io farei un appello alla città: pagare il trasporto pubblico significa avere più fondi a disposizione, e quindi un servizio più efficiente”