Omicidio Genny Cesarano, arrestato uno dei suoi amici: aveva una pistola in tasca durante l’agguato

Omicidio Genny Cesarano, arrestato uno dei suoi amici: aveva una pistola in tasca durante l’agguato

La Squadra Mobile di Napoli, su ordine della DDA, ha dato esecuzione ad un’ordinanza emessa dal Gip presso il Tribunale di Napoli applicativa della custodia cautelare in carcere nei confronti di BACIOTERRACINO Raffaele, 21 anni, gravemente indiziato dei reati di detenzione e porto abusivo di arma. Il provvedimento è da inquadrare nell’ambito degli ulteriori approfondimenti svolti relativamente all’omicidio di Gennaro Cesarano, ucciso all’alba del 6 settembre 2015 in piazza San Vincenzo alla Sanità.

 

In particolare, le indagini hanno consentito di accertare che nel gruppo di ragazzi che al momento dell’omicidio sostavano nella piazza in compagnia di Cesarano, vi era un giovane armato che non aveva risposto al fuoco del commando dei Lo Russo.  Alla identificazione di Bacioterracino si è giunti grazie alle attività di intercettazione ambientale svolte nell’immediatezza, ed in particolare grazie ai dialoghi registrati all’interno della autovettura in uso agli amici della vittima, soggetti che —alla stregua delle indagini successivamente espletate- sono stati indagati del delitto di false informazioni al Pubblico Ministero.