Omicidio a Ponticelli, in cella il nipote: in tasca quasi 2 mila euro e cocaina

Omicidio a Ponticelli, in cella il nipote: in tasca quasi 2 mila euro e cocaina

Omicidio a Ponticelli, il nipote condotto in carcere. É stato arrestato con le accuse di omicidio e tentativo di omicidio aggravato da futili motivi il 39enne Pasquale De Liguori, bloccato nella tarda serata di ieri dai carabinieri nel quartiere di Ponticelli, area est di Napoli, ritenuto responsabile dell’uccisione con colpi di coltello della zia Rosa Vitagliano, di 61 anni, e del ferimento di un’altra zia, sorella dell’uccisa, Maria, di 71 anni.

E’ accusato anche di porto abusivo di arma da taglio, evasione dagli arresti domiciliari e detenzione di cocaina. I motivi che hanno scatenato l’ira dell’ uomo sono verosimilmente di natura economica, rilevano gli investigatori, ma si sta indagando. In possesso di circa 1900 euro in contanti e 4 grammi di cocaina, De Liguori – sottoposto ad esami tossicologici – non ha risposto ai militari. Nella sua abitazione i carabinieri hanno trovato una dose di cocaina e biglietti manoscritti. Era sottoposto da agosto ai domiciliari per reati contro il patrimonio.