Napoli. Cittadini scattano foto durante una rapina: individuati i due ladri di rolex

Napoli. Cittadini scattano foto durante una rapina: individuati i due ladri di rolex

Incastrati i ladri di rolex dalle foto scattate dai cittadini.  La Polizia di Stato dell’Ufficio Prevenzione Generale ha sottoposto a fermo l’autore della rapina di due rolex perpetrata nella tarda mattinata di domenica ai danni di due turisti americani al Corso Vittorio Emanuele, nella Salita Pedamentina a San Martino.

Le vittime, in visita in città per turismo, hanno denunciato tre giovani. I rapinatori dopo essersi avvicinati a loro, hanno iniziato a strattonarli per poi depredarli dei costosi orologi dopo un’ intensa colluttazione. Uno dei tre, in particolare, teneva sempre la mano in tasca facendo intendere di essere armato.

Alcuni turisti presenti sul posto hanno immortalato con i loro smartphone la frettolosa fuga dei malviventi lungo le scale della Salita Pedamentina.
La preziosa collaborazione dei turisti e l’analisi delle immagini fornite dagli stessi, ha consentito alla Polizia di Stato di individuare quale autore della rapina M.G.,  ora sottoposto alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di firma presso il Commissariato di P.S. Montecalcivario.

Dalla comparazione tra le foto e le immagini del circuito di sorveglianza dell’Ufficio di Polizia, dove il giovane si era recato in mattinata per ottemperare all’obbligo di firma, gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale sono riusciti a risalire all’identità di uno degli autori della rapina.

Giunti presso l’abitazione del ladro, i poliziotti hanno effettuato una perquisizione domiciliare e rinvenuto gli indumenti indossati dal malfattore all’atto del reato e all’atto della firma presso il Commissariato di Montecalvario. Le stesse vittime della rapina hanno riconosciuto il giovane, in quanto gravemente indiziato di delitto, e associato presso la casa circondariale di Poggioreale.

Il complice,  individuato dalla Polizia di Stato e  dalle vittime dalla rapina, è stato denunciato in stato di irreperibilità e attivamente ricercato.
La collaborazione dei turisti, che hanno prontamente fornito le immagini scattate alla Polizia di Stato, e la tempestività della richiesta di intervento delle Forze dell’Ordine, ha consentito di adottare il provvedimento restrittivo.

Il Questore di Napoli, De lesu, tende ad evidenziare la l’importanza della brillante operazione, perché rappresenta un magnifico esempio di come senso civico dei cittadini, un pizzico di “coraggio”, tecnologia e capacità di pronto intervento delle Forze di Polizia siano elementi fondamentali nell’ottica di una convinta sicurezza partecipata, per contrastare preoccupanti fenomeni di criminalità predatoria che inquinano e danneggiano l’immagine della nostra stupenda città.

Il Questore pertanto rivolge un appello a cittadini e turisti affinché, anche in forma anonima, facciano pervenire foto e filmati di eventi criminosi utili allo sviluppo delle indagini.