Napoli, pizzo al market per “gli amici di San Giovanni”. In manette due camorristi

Napoli, pizzo al market per “gli amici di San Giovanni”. In manette due camorristi

Pizzo a un minimarket. Gli agenti della Squadra Mobile di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di due indagati per il reato di estorsione continuata ed aggravata. Si tratta di Esposito Pasquale, Classe ’64, e Luongo Luigi, classe ’80.

In particolare, dagli elementi raccolti attraverso le attività di indagine svolte dalla Squadra Mobile di Napoli, risulta che, nel periodo compreso tra l’8 ed il 13 agosto 2016, i due indagati, in almeno tre occasioni, si sono presentati presso un minimarket ubicato in corso San Giovanni a Teduccio, e, rivolgendosi ai dipendenti, hanno formulato una richiesta di euro 500 a titolo di estorsione da corrispondere ai “compagni di San Giovanni”.

Inoltre, il 13 agosto 2016, quale acconto sulla somma richiesta, i due indagati hanno costretto con minacce e violenza i dipendenti dell’esercizio commerciale a consegnare loro 100 euro. I due arrestati ricoprono — secondo le indagini svolte – un ruolo di rilievo nel clan RINALDI/REALE, operativo nel quartiere di San Giovanni a Teduccio, che di recente ha costituito un’alleanza con l’organizzazione criminale facente capo alla famiglia FORMICOLA, contrapponendosi al clan MAZZARELLA/D’AMICO per il controllo delle attività delittuose svolte in quel quartiere.

 

Facebook