Napoli, muri imbrattati: intervengono i writers

Napoli, muri imbrattati: intervengono i writers

In una domenica che non prometteva sole, nel cuore del Centro storico, in piazza San Domenico Maggiore, tra gli sguardi colpiti e incuriositi dei turisti, due writers dell’associazione culturale 400ml, hanno dato colore alla piazza con un graffito realizzato sui pannelli di copertura delle impalcature di Palazzo Corigliano. Zeal, writer napoletano della Dias Crew, ha realizzato la sua tag in ascensione cromatica, definita dai puppets di Smokter, altro street artist partenopeo, sui due lati. Lettere che fluttuano a partire dalla scritta centrale illuminano le vandalizzate impalcature con l’estro proprio della street art. “Tra domande e foto dei passanti, Zeal e Smokter – raccontano il consigliere regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli e Gianni Simioli della radiazza – hanno ultimato la loro opera dopo circa quattro ore di lavoro, sostituendo alle scritte vandaliche sui pannelli, un ricercato colorismo metropolitano che sta cambiando il volto delle più importanti città del mondo. Questi writers dimostrano di avere grande senso civico e di combattere gli incivili e gli imbrattatori coprendo i loro sfregi con opere belle e che attraggono l’attenzione del pubblico”.