Napoli, l’autista del bus non si ferma. L’altro lo raggiunge e lo prende a mazzate

Napoli, l’autista del bus non si ferma. L’altro lo raggiunge e lo prende a mazzate

Napoli. Ennesimo episodio di follia ieri a Napoli. Un conducente dell’ANM a Ponticelli, in via Bartolo Longo, è stato preso a calci e pugni da un passeggero per non essersi fermato alla richiesta di fermata.

E’ accaduto ieri pomeriggio. Un uomo a piedi, fermo alla pensilina, all’altezza del Lotto O, comincia a gesticolare animatamente chiedendo al conducente dell’autobus di passaggio di fermarsi. Il conducente però prosegue dritto. Nulla di strano, visto che, secondo il protocollo, occorre fermarsi solo nelle aree consentite.

L’uomo non si dà per vinto: si fa dare un passaggio in automobile, raggiunge l’autobus alla successiva fermata, lo blocca con una manovra rapida, scende dall’abitacolo e, una volta salito a bordo dell’autobus, prende a mazzate il conducente dopo averlo minacciato.

Gli altri passeggeri, impauriti, assistono alla scena, per poi chiamare subito gli agenti del Commissariato locale. Le botte sono finite solo all’arrivo dei poliziotti, alla cui vista l’aggressore si è dato alla fuga seminando il panico tra i presenti. Il conducente è stato medicato a Villa Betania. Per lui trauma cranico con una prognosi di 2 giorni.