Napoli, fuochi d’artificio alla scarcerazione del figlio di Ciruzzo o’ milionario

Napoli, fuochi d’artificio alla scarcerazione del figlio di Ciruzzo o’ milionario

Torna in libertà Salvatore Di Lauro, il sesto figlio del boss di Secondigliano Paolo, detto Ciruzzo o’ milionario. La sua scarcerazione è stata salutata da fuochi d’artificio nel quartiere dove la famiglia è egemone.

Salvatore, detto Terremoto, era finito in carcere il 6 giugno scorso insieme ad altre 26 persone, tra cui due finanzieri corrotti al servizio del clan della Vinella Grassi. A tirarlo in ballo alcuni pentiti, tra cui l’ex reggente della Vinella Grassi, Antonio Accurso che sosteneva di aver organizzato insieme a Salvatore Di Lauro un traffico di droga, con quest’ultimo che gestiva i passaggi di mano ed aveva anche organizzato in proprio un traffico di marijuana con alcune cosche della Sacra Corona Unita pugliese.

I suoi avvocati sono riusciti a convincere i giudici del Tribunale del Riesame sull’infondatezza delle accuse di una dozzina di pentiti. Di Lauro aveva sempre sostenuto la sua estraneità ai fatti, dichiarando di non avere nulla a che fare con la droga e di stare gestendo una pizzeria con la moglie.