Napoli, detenuto rifiuta il cibo e muore. Gli avvocati: “Negata la scarcerazione”

Napoli, detenuto rifiuta il cibo e muore. Gli avvocati: “Negata la scarcerazione”

Napoli. Detenuto muore dopo due mesi senza mangiare. Ha rifiutato per lungo tempo il cibo tanto che le sue condizioni di salute si sono aggravate ma gli è stata comunque negata la scarcerazione. Poi la situazione è precipitata ed è entrato in coma e oggi è morto in ospedale a Napoli. A denunciare il fatto gli avvocati del detenuto Stefano Crescenzi, 36 anni, romano, condannato in primo grado a 23 anni per l’omicidio di Giuseppe Cordaro, avvenuto a Roma nel marzo del 2013.

Gli avvocati Daniele Fiorino e Dario Vannetiello spiegano di “avere chiesto per mesi la scarcerazione di Crescenzi a causa delle sue condizioni di salute” ma senza ottenerla. Fino al tragico epilogo di oggi. Crescenzi inizia a rifiutare il cibo nel settembre del 2016 e il suo stato si aggrava al punto che il Dap ritiene che non potesse rimanere presso un ordinario istituto penitenziario e decide di trasferirlo dal carcere di Livorno al centro clinico della casa circondariale di Napoli-Secondigliano”. Gli avvocati spiegano che sono state rigettate più istanze di scarcerazione.