Napoli, allerta terrorismo: arrestato tunisino su nave da crociera

Napoli, allerta terrorismo: arrestato tunisino su nave da crociera

Napoli. Durante mirati controlli di Frontiera, per il contrasto all’immigrazione clandestina e per l’implementazione delle misure di sicurezza anti terrorismo, effettuati dagli agenti dell’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima di Napoli, diretto dal Primo Dirigente Gaetano FRONCILLO, è stato arrestato nel tardo pomeriggio del 31 dicembre, un cittadino tunisino Hassen AYARI, di anni 39, imbarcato quale membro di equipaggio sulla nave da crociera TANIT, proveniente da Tunisi.

L’uomo era destinatario di un mandato di arresto internazionale dal Tribunale presso la Procura della Repubblica di Genova, per l’espiazione della pena di due anni e due mesi di reclusione, oltre alla condanna del pagamento di una pena pecuniaria superiore a duecentomila euro. Inoltre è stato emesso un provvedimento di respingimento sul territorio nazionale di un altro cittadino tunisino, M.O. di anni 30, anche quest’ultimo marittimo della nave TANIT, in quanto colpito da un provvedimento di inammissibilità nel territorio Schengen emesso dalla Svizzera.

L’Ufficio di Polizia di Frontiera Marittima inoltre, nell’attività di contrasto ad eventuali azioni terroristiche, in sinergia con la Questura e con gli altri organi di Polizia, così come previsto dal Piano di Sicurezza Nazionale per i Porti, effettua controlli straordinari in tutto il sedime portuale con l’ausilio di cani antisabotaggio, di sommozzatori e squadre speciali antiterrorismo, non tralasciando nessun obiettivo. In particolare vengono controllati i passeggeri, gli equipaggi e tutte le navi ormeggiate in questo ambito portuale, nonché tutti i terminal croceristici.