Morte di Luigi, c’è un indagato per omicidio. La famiglia: “Giustizia faccia il suo corso”

Morte di Luigi, c’è un indagato per omicidio. La famiglia: “Giustizia faccia il suo corso”

C’è un indagato per la morte di Luigi Bombace, l’87enne giuglianese travolto ieri in via Frezza da una Mercedes Classe A. La Procura di Napoli Nord ha iscritto nel registro degli indagati il conducente dell’auto con l’accusa di omicidio stradale.

Le circostanze dell’incidente non sono ancora del tutto chiare e dovranno essere ricostruite dagli agenti della Polizia Municipale di Giugliano, a cui spettano le indagini. Ciò che è certo che l’uomo stava attraversando la strada quando ha incrociato la vettura proveniente dalla rotonda del cimitero. L’impatto provocato dal veicolo è stato violento e sull’asfalto ci sono ancora i segni della brusca frenata che l’automobilista ha compiuto per rallentare la sua corsa. Il conducente è stato sottoposto ad esami tossicologici.

Intanto la comunità di Giugliano è in lutto per una morte che ha scosso amici e conoscenti.La salma in serata è stata trasportata al policlinico di Napoli in attesa di autopsia che dovrebbe tenersi domani per poi liberare la vittima per i funerali. L’anziano era il padre di due noti ristoratori giuglianesi: Maurizio, titolare di un locale situato proprio dove è avvenuta la tragedia, e Marcello con locale in via degli Innamorati.

Adesso a via Frezza è un lungo via vai di persone che si recano a casa dell’anziano per portare le condoglianze. “In questo momento vogliamo solo stringerci nel dolore – fanno sapere dalla famiglia Bombace – la giustizia faccia il suo corso ma sappiamo che il dramma ha colpito ovviamente anche la persona alla guida dell’auto”.