Miasmi dallo Stir di Giugliano, Micillo (M5S): “Il ministro ha risposto dopo 3 anni”

Miasmi dallo Stir di Giugliano, Micillo (M5S): “Il ministro ha risposto dopo 3 anni”

Giugliano. “Dopo ben tre anni esatti ho ricevuto risposta dal Ministro dell’Ambiente Galletti all’interrogazione, che depositai l’8 ottobre del 2013. All’epoca, ero stato sollecitato, da alcuni cittadini che avevano promosso una petizione locale (pubblicata pure su un quotidiano) affinché mi adoperassi per approfondire da dove arrivassero dei miasmi ed olezzi che sentivano provenire dall’area dello Stir di Giugliano in Campania. Decisi allora di chiedere spiegazioni al Ministro, che in realtà, ha colto l’occasione, dopo i miei due solleciti a rispondermi, del 2 febbraio 2015 e del 20 luglio 2016, per aggiornarmi sulla situazione nell’area della “Terra dei Fuochi”. Una sorta di commiato per il lavoro svolto dopo l’uscita di scena di Renzi e quindi del suo Governo.” Lo afferma il deputato giuglianese del Movimento 5 Stelle, Salvatore Micillo.

“Galletti – prosegue il parlamentare – esordisce nella risposta scrivendomi che “le problematiche relative all’inquinamento ambientale nel comune di Giugliano sono da tempo oggetto della sua attenzione” e che dallo scorso anno è stata rafforzata la vigilanza sul territorio per poi parlare degli incendi registratisi la scorsa estate e dei fondi impiegati o da impiegarsi ancora.”

“Conclude rassicurando che l’attenzione loro resta alta io li controrassicuro che la nostra, come cittadini e MoVimento 5 Stelle, lo sarà ancora maggiore. Possono cambiare i Governi, – conclude Micillo – cadere Legislature ma noi la nostra terra continueremo a difenderla a colpi di atti parlamentari e di impegno.”

Il testo con cui interrogai nel 2013 il Ministro dell’Ambiente:  Atto Camera. Interrogazione a risposta scritta 4-02090 presentato da MICILLO Salvatore, testo di Martedì 8 ottobre 2013, seduta n. 92.

La risposta, pervenutami tre anni dopo, scaricabile qui:

risposta-interrogazione-on-salvatore-micillo-m5s-su-giugliano-inquinamento-galletti-risponde-su-situazione-terra-dei-fuochi