Elezioni Melito, sarà ballottaggio tra Antonio Amente e Pierino D’Angelo

Elezioni Melito, sarà ballottaggio tra Antonio Amente e Pierino D’Angelo

Sarà ballottaggio tra Antonio Amente, candidato del centrodestra, e Pierino D’Angelo. Questo il verdetto uscito dalle urne a Melito. L’ex sindaco chiude al 48, 7 % delle preferenze. D’Angelo al 29, 01 %. Caiazza al 11, 09. Disfatta per il sindaco uscente Venanzio Carpentieri, Partito Democratico, fermo al 10, 01 %.

E’ stato un finale al cardiopalma per il candidato di centrodestra. Una manciata di voti l’ha separato dal fatidico quorum del 50%+1 Distaccati Caiazza e Carpentieri che si aggirano poco più o poco sotto il 10%. Una sonora sconfitta per il segretario provinciale del Pd che comunque si era candidato in extremis.

Anatra zoppa. Quello che però appare come disegno del destino e che anche questa volta a Melito potrebbe verificarsi l’anatra zoppa perché le liste che sostengono Amente dovrebbero essere sopra il 50% e perciò non far scattare il premio di maggioranza condannando la città in caso di vittoria di D’angelo all’ennesima sfiducia anticipaste con molte probabilità. Dando a Melito il triste primato di città più ingovernabile della Campania.

Gli scenari. In caso di vittoria di Antonio Amente 16 seggi (compreso il sindaco) andrebbero alla sua coalizione. 6 seggi a Pietro D’Angelo,  2 a Caiazza e 1 a Carpentieri.

In caso di vittoria di D’Angelo si profila l’ipotesi dell’anatra zoppa, cioè il sindaco vincente non ha la maggioranza. In questo caso 13 seggi andrebbero ad Amente (compreso il candidato sindaco), 8 a D’Angelo (compreso il sindaco), 2 a Carpentieri, 2 a Caiazza.

Consiglieri più votati

Il più votato in assoluto è stato Rocco Marrone, presentatosi con Movimento Democratici Progressisti, che ha ricevuto 675 voti per il 15,1% degli elettori. Seguito da Nunzio Marrone, con Obiettivo Melito, che ha ottenuto 648 voti per il 29.11% delle preferenze.

Con Melito nel cuore Luciano Mottola che ha ricevuto 641 voti pari al 32,18% delle preferenze e Patrizia Di Munno con 583 voti pari al 29,27%. Seguono Vincenzo Costa per Obiettivo Melito con 581 voti per un totale del 26,1%. Rientra tra i consiglieri che hanno ricevuto almeno 500 voti, Agostino Pentoriero con 503 voti per l’11,26%.

Superano le 400 preferenze: Emilia Selva con Obiettivo Melito (495), Lucia Pio con Movimento Democratici e Progressisti (468), Domenica Maisto con MDP (447), Angela Guarino con Melito Democratica (443), Alessandro Simeone con Cristiano Popolari (435) e Giovanna Chianese con Melito nel Cuore (427).

Dati definiviti:

  • Venanzio Carpentieri – 1780
  • Antonio Amente – 8562
  • Pierino D’Angelo – 5128
  • Lello Caiazza – 2100