Melito, la tragedia della famiglia Maisto. “Sei stanco, guido io”, poi lo schianto

Melito, la tragedia della famiglia Maisto. “Sei stanco, guido io”, poi lo schianto

Melito. E’ un grave tragedia quella che ha colpito e sconvolto la città di Melito. C’è dolore e incredulità per quanto accaduto sull’autostrada A16, nell’avellinese in direzione Napoli, nella tarda serata di sabato. La comunità piange infatti la scomparsa di Giuseppina Palumbo, 49enne, detta Pina, mentre prega per le condizioni del marito Giuseppe detto Peppe Maisto (dipendente della Kimbo) e del genero 23enne C.L., entrambi ricoverati all’ospedale Rummo di Benevento. La figlia 19enne al momento dello schianto stava dormendo, ed ha riportato solo lievi ferite curate al Moscati di Avellino.

La famiglia, – come riporta Il Mattino – stava rientrando a casa, in un’abitazione situata in via Giulio Cesare, dopo una giornata trascorsa fuori. Un colpo di sonno, o una banale distrazione, ha trasformato il viaggio di ritorno in una tragedia, con l’auto che è finita in una scarpata. La Fiat Idea era guidata dalla vittima, morta sul colpo prima dell’arrivo del 118 e delle polizia stradale. Aveva da poco superato la galleria di Pratola Serra quando ha perso il controllo.

La donna si era messa al volante dell’auto poco prima dell’incidente, dando il cambio al marito durante il rifornimento di gas nell’area di servizio di Mirabella. Tantissimi i messaggi di condoglianze, solidarietà e vicinanza ai parenti. Si tratta di una famiglia stimata da tutti in città. Adesso, oltre alle buone notizie dell’ospedale che si spera possano arrivare dell’ospedale, si attende il ritorno della salma di Pina a Melito dopo il dissequestro.