Maxi operazione della guardia di finanza, sequestrati opifici e discariche abusive

Maxi operazione della guardia di finanza, sequestrati opifici e discariche abusive

nel quadro dei servizi di prevenzione generale e controllo economico del territorio, i finanzieri del comando provinciale della guardia di finanza di napoli, nei giorni scorsi, hanno intensificato le attività di controllo con particolare attenzione al fenomeno dell’abbandono incontrollato e dello smaltimento illecito dei rifiuti.

in particolare, il gruppo di torre annunziata, nella giornata del 23 settembre u.s., ha predisposto nel territorio di competenza un dispositivo che ha previsto l’impiego di 22 pattuglie, sottoponendo a controllo numerosi soggetti che per il particolare settore in cui operano sono tenuti al rispetto degli adempimenti per lo smaltimento dei rifiuti speciali provenienti dal ciclo produttivo o dall’attività esercitata, previsti dalla normativa di settore. durante tali ispezioni è stata rilevata la presenza di 37 lavoratori in nero di cui 14 extracomunitari.

al termine del servizio sono stati sequestrati: due opifici operanti nel settore del pellame, ubicati nei comuni di pomigliano d’arco e san giuseppe vesuviano, quest’ultimo gestito da cittadini di etnia cinese; sempre a san giuseppe vesuviano un immobile di 1.000 mq. per violazione della normativa sul lavoro; una discarica abusiva, di 1.000 mq a terzigno, contenente rifiuti speciali e pericolosi; un suolo agricolo di 50 mq., nel comune di piano di sorrento, unitamente a bidoni di plastica contenenti rifiuti speciali non pericolosi; una tendostruttura ed un’ imbarcazione in vetroresina di 6 metri.

17 persone sono state segnalate all’a.g. competente e sono stati elevati 9 verbali di accertamento per violazioni in materia ambientale.

il servizio rientra nell’ambito dell’attività info-investigativa svolta dalle fiamme gialle sul territorio a seguito dell’azione di contrasto al fenomeno delle discariche abusive in campania e del gravissimo impatto ambientale che queste hanno sull’intera collettività

Facebook