Marano, nasce la prima biblioteca “di genere”

Marano, nasce la prima biblioteca “di genere”

Nel mese dedicato dall’amministrazione comunale, che ha prontamente accolto la proposta dell’Assessora Francesca Beneduce, alla “Riscoperta dei diritti umani- Diritti ieri, oggi, domani…” nasce a Marano la prima biblioteca di genere per non dimenticare il lavoro delle donne, presso “Palazzo Merolla” intitolata a due donne simbolo per il loro lavoro e dedizione: Fiorenza Agnese Mojo, prima insegnante donna della città di Marano e madre del famoso matematico Lorenzo Lancia, e quello di santa Maria Domenica Mazzarello, fondatrice dell’istituto delle Figlie di Maria Ausiliatrice. L’inaugurazione avverrà alla presenza, tra gli altri, dei Consiglieri comunali e della Giunta guidata dal Sindaco Angelo Liccardo, dell’assessora Francesca Beneduce, di Don Luigi Merluzzo e di Don Tonino Palmese, del Professor Carlo Palermo a cui va il ringraziamento per le ricerche storiche, il giorno 8 marzo 2016 alle ore 18.30.

Il Sindaco Liccardo – “E’ fondamentale alimentare la cultura storica attraverso esempi positivi, Marano è una cittadina che ha radici antiche, che non devono essere dimenticate anzi mi adoprerò affinchè ciò non avvenga. I progressi sociali e politici delle donne nella storia del nostro paese attraverso un loro ricordo sono certamente un esempio positivo per tutta la nostra comunità”. L’assessore Beneduce – “Palazzo Merolla deve ritornare al centro della diffusione della cultura di Marano, inizieremo con questo mese ed il prossimo che avranno come tema predominante i diritti umani, un percorso di dignità del ricordo che non può prescindere dalla memoria storica del territorio, dando slancio e risalto a donne che con il loro ruolo ed il loro esempio, fatto di valori genuini, non può essere dimenticato. Queste iniziative per celebrare dignitosamente la Giornata internazionale della donna che è bene ricordarlo, non è una festa ma vuole essere l’occasione per non dimenticare le conquiste sociali, politiche ed economiche delle donne, contro le discriminazioni e le violenze di cui sono state oggetto e sono ancora, le donne, in tutte le parti del mondo”.

L’evento è stata inserito nella Rassegna “8 Marzo e non solo” che comprende le iniziative ideate, realizzate e sostenute dalla Città Metropolitana di Napoli e dalla Consigliera di Parità della città metropolitana Isabella Bonfiglio, in collaborazione con l’Osservatorio Permanente centro storico di Napoli- sito UNESCO.

Sempre il giorno 8 Marzo alle ore 10.30 presso la Sala Cavallo, si terrà la conferenza stampa con l’associazione Frida Kahlo a sostegno della campagna 10.000 Cartoline da firmare “impara ad amare, l’amore non uccide “Educazione sentimentale nelle scuole” ideata dalla stessa associazione.

Il giorno 10 marzo alle ore 12.00 sempre nella sala Cavallo sarà presentato il Progetto dedicato ai giovani, “Benvenuti nel buio” con la presentazione del sito interattivo MURA.ONE in collaborazione con l’associazione Filantropica “Raffaele Musella”.

Il giorno 15 marzo alle ore 17 presso la Sala Cavallo, in collaborazione con la l’associazione “Il Cielo oltre Venere” si terrà il QUESTION TIME – le cittadine incontrano gli esperti in senologia”.

Seguiranno in conclusone di questo percorso, attraverso il coinvolgimento del Forum dei giovani, le giornate del ricordo e della memoria storica.

Il denso cartellone di appuntamenti non finirà qui ma proseguirà anche a Maggio con la “Mostra dei talenti”, sempre presso Palazzo Merolla, con attività di sviluppo locale per la promozione storico culturale del territorio.