Marano. Isola ecologica, imminente l’apertura: saranno assunti sette operatori

Marano. Isola ecologica, imminente l’apertura: saranno assunti sette operatori

MARANO. L’isola ecologica di Località La Volpe è pronta per andare in funzione. L’amministrazione, però, starebbe frenando sull’apertura al pubblico, per le insistenti voci di piazza, come ci ha riferito un politico molto vicino al sindaco Angelo Liccardo, dell’arrivo di una ipotetica interdittiva antimafia alla ditta che gestisce il ciclo integrato dei rifiuti in città. E’ vero che i costi di gestione del Centro raccolta, non sono stati ancora quantificati esattamente, ma, come ci ha fatto capire il nostro interlocutore, questo sarebbe l’ultimo dei problemi. In linea di massima, occorrerebbe assumere 7-8 dipendenti e l’intenzione dell’amministrazione sarebbe quella di sceglierli tra i 17 operatori ecologici esclusi nel passaggio di cantiere tra la Falzarano e la Ego Eco, la ditta subentrante, sulla quale, recentemente, si è abbattuto un grosso ciclone giudiziario. Chiaramente le assunzioni vanno concertate con i sindacati. Intanto, per rimanere in tema rifiuti, pare che l’amministrazione abbia chiesto alla ditta la disponibilità ad anticipare la raccolta alle 4.00 del mattino anziché alle 6.00, nel solo centro storico, dove si sono verificate situazioni di maggior disagio, legate al passaggio degli automezzi.

Ritornando all’isola ecologica, l’opera è stata realizzata su un’area (ubicata in località La Volpe, alla fine di Corso Mediterraneo ai confini con Calvizzano) confiscata alla camorra e consegnata al Comune di Marano il 24 giugno 2009. Tale zona, nel vigente Piano regolatore, era destinata a verde attrezzato per cui si rese necessario modificarne l’uso in Centro di raccolta, operazione che fu fatta a febbraio 2010, durante l’amministrazione Perrotta. Poi restò tutto fermo per circa tre anni, in quanto non si riusciva a sbloccare il finanziamento regionale. A dare impulso all’iter procedurale, ci pensò il commissario straordinario Gabriella Tramonti: durante la sua gestione, a maggio 2013, fu approvato il progetto preliminare, redatto dal tecnico comunale ing. Davide Ferriello e, dopo sette mesi, durante l’amministrazione Liccardo, fu anche approvato il progetto definitivo. Poco dopo, il 27 dicembre 2013, venne bandita la gara d’appalto, mentre i lavori vennero aggiudicati ad aprile 2014 alla Edil Sar arl con sede a Quarto per 115mila076 euro per aver presentato un ribasso del 40,678% sull’importo a base d’asta. Ad agosto 2014 venne redatto il progetto esecutivo, mentre il contratto con la ditta fu stipulato il 29 luglio 2014. Alla Edil Sar sono stati poi affidati anche i lavori complementari (non previsti nella gara d’appalto) di rifacimento dell’area antistante l’isola ecologica, per un importo di 49mila587 euro. Alla fine, tra lavori, spese tecniche, spese per allacci, pubblicazione gara, eccetera, sono stati spesi circa 250mila euro.

L’apertura dell’isola ecologica comporterà degli innegabili vantaggi alla città, poiché si potrà recuperare una maggiore percentuale di rifiuti, coinvolgendo di più e direttamente i cittadini.

Mimmo Rosiello